TwitterFacebookGoogle+

Cina: Pechino sequestra 157 mld fondi non spesi autorita' locali

(AGI) – Pechino, 15 set. – In economia si chiamano “residui passivi”, somme stanziate a bilancio ma mai spese. In, invece, Cina rappresentano un’altra faccia della piaga della corruzione di cui sono malati tanti leader locali, le tigri alle quali il presidente Xi Jinping vuole strappare gli artigli. Pechino ha infatti scoperto e ‘sequestrato’ un autentico tesoro: fino a mille miliardi di yuan (157 miliardi di dollari) pari al 6% del bilancio annuo di tutta la Cina accumulato negli ultimi anni da governi locali che non hanno spesso le somme loro assegnate a bilancio. Pechino si e’ riappropriato dei fondi che ora investira’ in progetti produttivi per rilanciare l’economia che ‘arranca’ ad un ritmo di crescita ufficiale del 7%. Ritmo stellare in Occidente, ma insufficiente in Cina per tenere il passo con il processo di accrescimento del benessere generale. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.