TwitterFacebookGoogle+

Cina: prevede crescita Pil tra 6,5% e 7% nel 2016

Pechino – La Cina ha fissato tra il 6,5% e il 7% il suo target di crescita per il 2016, confermando l’indebolimento della sua economia. Nel 2016, assicura Xu Shaoshi, presidente della commissione nazionale per lo Sviluppo e le Riforme, le “pressioni al ribasso sulla crescita economica proseguiranno e per certi versi si espanderanno”. Nel terzo trimestre il Pil cinese è cresciuto del 6,9%, il livello più basso dal 2009, sotto il target del 7% fissato per il 2015 dal governo.

“Le attività restano in difficoltà – aggiunge – e i rischi in alcune aree si stanno accumulando, ma siamo capaci e fiduciosi di poter affrontare i problemi e le sfide”. Secondo Xu la Cina intende affrontare i suoi problemi cronici che riguardano la sovracapacità e le sottoprestazioni delle compagnie statali ‘zombi’, attraverso profonde riforme e accorpamenti. E’ la prima volta in 20 anni che la Cina ha fornito i suoi target di crescita attraverso una forchetta e non con una singola cifra. (AGI)
.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.