TwitterFacebookGoogle+

Cinema: dopo 17 anni arriva sequel di 'The Blair Witch Project'

Roma – Dopo 17 anni arriva al cinema ‘Blair Witch’, l’atteso sequel dell’acclamato film horror del 1999, ‘The Blair Witch Project’ di Eduardo Sanchez e Daniel Myrick. Il nuovo film, diretto da Adam Wingard (‘You’re Next’),uscira’ nelle sale italiane mercoledi’ 21 settembre distribuito da Eagle Pictures, quasi in contemporanea con gli Stati Uniti, dove arrivera’ il 16 settembre. A 17 anni di distanza dal film che ha segnato un’epoca per il genere, un nuovo capitolo si appresta a raccontare cosa accade nella spaventosa foresta di Black Hills, nel Maryland. Il trailer americano del film, che ha debuttato qualche giorno fa in rete, ha registrato oltre 3 milioni di visualizzazioni in 48 ore.

Il sequel racconta la storia di un gruppo di studenti universitari che si avventura nella foresta di Black Hills per cercare di svelare il mistero legato alla sparizione della sorella di James Donahue, Heather, avvenuta 17 anni prima e che in molti pensano sia collegata alla leggenda della ‘Strega di Blair’. Il gruppo e’ inizialmente ottimista, soprattutto quando alcuni abitanti del posto si offrono di guidarli nella foresta. Nel corso di una lunga notte, pero’, i ragazzi iniziano a sentire intorno a loro una presenza sinistra e lentamente si rendono conto che la leggenda e’ molto piu’ reale e inquietante di quanto potessero immaginare. ‘The Blair Witch Project’ e’ stato un caso unico nella storia del cinema: e’ stato il film a basso costo che ha riscosso piu’ successo a livello internazionale nella storia. Realizzato ed interpretato da giovani esordienti con una spesa stimata di tra i 20.000 e i 25.000 dollari, ha incassato in tutto il mondo poco meno di 250 milioni di dollari.

Il suo successo e’ dovuto a molteplici fattori. Innanzi tutto, lo stile della regia a meta’ strada tra il genere documentaristico e l’horror. Poi la geniale operazione di marketing in cui per la prima volta, nell’era pre-social network, e’ stata creata una pseudo notizia che e’ diventata virale sul web, creando negli utenti il dubbio che il documentario “prossimamente nei cinema” fosse autentico. Il film ha ottenuto molti consensi di pubblico e critica e molti riconoscimenti, tra cui il Premio Giovani per il miglior film straniero al Festival di Cannes 1999 e una menzione speciale al Festival di Sitges del medesimo anno. Nel 2000, visto il notevole successo al botteghino, la casa che detiene i diritti, la Haxan Films, ha prodotto un seguito, ‘Il libro segreto delle streghe: Blair Witch 2′, nel quale, pero’, non sono stati coinvolti gli autori del primo episodio. Altre opere derivate sono alcuni libri, una serie a fumetti, un fotoromanzo del primo film ed una trilogia di videogiochi di genere survival horror (che costituiscono uno spin-off del gioco horror ‘Nocturne’). Era previsto un terzo film della serie (un prequel annunciato nella versione Dvd) ma non fu mai realizzato. Nel 2009 si inizio’ a trattare per un seguito del primo capitolo che trascendesse i fatti del secondo, successivamente il 22 luglio 2016 al Comic-Con di San Diego e’ stato presentato, a sorpresa, il trailer del sequel ‘Blair Witch’. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.