TwitterFacebookGoogle+

Cirinna', stralcio adozioni da unioni civili buco nel cuore

(AGI) – Roma, 25 feb. – “Siamo stati costretti, pur di arrivare all’approvazione di questa legge, a prendere una decisione durissima: procedere con la fiducia. Ve lo dico chiaramente, noi non ce la siamo sentita di esporre alla roulette del voto segreto i diritti delle persone”. Lo ha detto, in un passaggio del suo intervento in Aula al Senato, Monica Cirinna’, la senatrice del Pd ‘madrina’ della legge sulle unioni civili, ripercorrendo le tappe dell’iter del ddl, dal no dei 5 Stelle al canguro in poi. Cirinna’ non nasconde la delusione: “Lo stralcio dell’art.5 resta un buco nel mio cuore”, ovvero l’eliminazione della stepchild adoption, ma la legge riscritta nel maxiemendamento, “seppure menomata rappresenta un passo avanti”.
.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.