TwitterFacebookGoogle+

Cl “lobby di Dio”: dov’è la novità?

don_giusL’attacco di Fantinati (M5S) al Meeting di Comunione e Liberazione non dice niente di nuovo. Ma ricordarlo non fa male.

Ma cosa avrà mai detto di tanto scandaloso il deputato grillino veronese Mattia Fantinati nel suo discorso provocatorio del 26 agosto al Meeting di Comunione e Liberazione? (Provocatorio, sia detto per incidens, perché accettando l’invito ha sfruttato il podio per attaccare chi lo ospitava: sarà stato «maleducato», come ha osservato qualche anima pia, ma nel gioco della comunicazione politica questi “blitz” pepati e pacifici ci stanno tutti). Il succo del suo j’accuse sta qui: Cl é «la più potente lobby italiana», colpevole di aver «trasformato l’esperienza spirituale morale, in un paravento di interessi personali, finalizzati sempre e comunque a denaro e potere (…) Sempre dalla parte dei potenti, sempre dalla parte di chi comanda. Sempre in nome di Dio. (“non potete servire Dio ed il denaro”, Luca 16,13)». Un’associazione di fedeli a Mammona, più che a Dio.

E’ la tesi di un libro-inchiesta, “La lobby di Dio” (Chiarelettere, 2011) firmato da Ferruccio Pinotti, giornalista di razza, padovano, chissà perché a secco di comparsate televisive e interviste sui media. Secondo la sua ricerca, le imprese associate alla Compagnia delle Opere, braccio economico di Cl, sono 34 mila, per un giro d’affari di 70 miliardi di euro, senza contare le associazioni no-profit che le orbitano attorno. Per l’autore Cl ha successo, soprattutto fra i giovani, perché «in un mondo dove le proposte e le alternative per i giovani sono pochissime, rappresenta un’offerta esistenziale allettante, in quanto disegna per loro un percorso di sviluppo integrato: amicizie, famiglia, carriera, lavoro, fede. Tutto si fonde in Cl, in un mix che, per molti, risulta attraente». L’élite del movimento è costituita dai cosiddetti “memores domini” (Roberto Formigoni è uno di essi), che al pari dei numerari dell’Opus Dei, perseguono gli interessi dell’organizzazione in maniera integrale, votandosi completamente ad essa, facendo incessante proselitismo fra i ragazzi e muovendosi nel mondo del business e della politica con laicissima e determinatissima disinvoltura.

In particolare, in politica gli angeli di Cl hanno appoggiato praticamente tutti i diavoli in circolazione. Ma non per malvagia propensione al diabolico. Semplicemente perché una lobby (parola in sé neutra, non un’offesa), e a maggior ragione di un simile peso, deve coltivare rapporti trasversalmente e senza fare troppi distinguo: dall’amatissimo Berlusconi fino a Bersani passando per Letta e oggi per Renzi. Di più: é costretta dal suo stesso interesse a rinnovare, con ogni governo, la propria natura a priori filo-governativa. Qualsiasi sia il governo in carica. Lo dice bene, sia pur un po’ cripticamente, Luca Castagnetti presidente della Compagnia delle Opere del Veneto, a proposito di Fantinati al Meeting: «descrive il mondo che gira intorno al Meeting come un mondo “sempre e comunque” finalizzato a denaro e potere. Mi sembra una notazione antistorica, ingenerosa rispetto alle migliaia di opere di carità, assistenza e aiuto legate a Cl. E poi: il Meeting bada al bene comune e ha sempre interloquito con le figure istituzionali che in quel momento avevano la maggior responsabilità di lavorare per il bene del Paese: quindi, nessun tappeto rosso al potere» (Corriere di Verona, 28 agosto 2015). Quindi, traduciamo noi, chilometri e chilometri di tappeto rosso al potere, chiunque sia il titolare in quel momento. E va da sé che non c’é governante che non affermi di lavorare “per il bene del Paese”.

Nessuno ricorda più le origini del fenomeno ciellino. Comunione e Liberazione nasce nel 1969 su iniziativa del prete lombardo Luigi Giussani, “don Giuss” per discepoli ed estimatori, sul tronco di “Gioventù Studentesca”. Il nome deriva dall’opposizione all’idea di liberazione tramite rivoluzione, atea e materialista, del social-comunismo, molto in voga fra i giovani impegnati negli anni ’60 e ’70. La liberazione autentica, predicava Giussani, può venire dalla comunione con Gesù Cristo. Nel 1975, Formigoni si mise a capo della filiazione politica di Cl, il “Movimento Popolare”, ribattezzato dal settimanale L’Espresso come la formazione degli “extraparlamentari della Dc”. Nel 1986 fu fondata la Compagnia delle Opere, che gode di una rete di relazioni ramificatissima e blindatissima. Al punto da farsi accusare dai critici di teorizzare la sussidiarietà (meno Stato, più società) ma declinandola in concreto nell’influenzare a proprio favore il mercato. Grazie, appunto, ad un’attività brillante e indefessa di lobbismo. Come fanno o cercano di fare tutte le aziende, i gruppi industriali e le lobby di questo mondo.

Nell’impasto di afflato religioso e pragmatismo spinto, che sa un po’ di Calvino e di spirito anglossassone, sta l’arcano di Cl fin dagli esordi, fin dalla parabola umana di Don Giuss. Padre Nazareno Fabbretti, frate francescano che lo conosceva bene, lo descriveva così: «è il tipico prete lombardo, con le certezze pretridentine e l’efficienza del “cumenda” milanese». Settarismo e managerialità, integralismo e modernità, pathos e profitto. Cosa c’é di scandalosamente incredibile in quel che ha detto Fantinati?

http://www.vvox.it/2015/08/28/cl-lobby-di-dio-dove-la-novita/

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.