TwitterFacebookGoogle+

Clima, Cina e Usa firmano l'accordo di Parigi

(AGI) – Hangzhou – Cina e Stati Uniti hanno firmato l’accordo di Parigi sul cambiamento climatico. Lo ha reso noto il Presidente cinese Xi Jinping, subito dopo l’arrivo ad Hangzhou per il vertice G20 del Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama. Con il duplice annuncio una gran parte del percorso sara’ fatto: le due principali economie del mondo sono responsabili, insieme, del 40% delle emissioni globali.

Obama, a Parigi abbiamo deciso di salvare il pianeta

I punti dell’accordo raggiunto

In tal modo i due Paesi piu’ inquinanti del mondo uniranno le forze contro il surriscaldamento del pianeta a cui contribuiscono sensibilmente. Gli obiettivi dell’accordo sono ambiziosi e richiederanno uno sforzo colossale del gigante asiatico, che deriva il 70% della elettricita’ dal carbone.

L’accordo di Parigi e’ stato formalmente firmato, a conclusione della COP21, da 180 Paesi, ma ogni Paese poi doveva, in base alla propria legislatura, ratificare il testo (mediante voto parlamentare, decreto, eccetera…). Al momento, perche’ il trattato entri in vigore, l’accordo deve essere ancora ratificato da almeno 55 Paesi che rappresentano il 55% delle emissioni globali di gas a effetto serra. Finora, secondo il sito web delle Nazioni Unite, solo 24 Paesi hanno concluso il processo, ma sono per lo piu’ piccoli Stati insulari molto a rischio per la crescita del livello delle acque oceaniche e che rappresentano solo l’1,08% delle emissioni. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.