TwitterFacebookGoogle+

Clinton vola nei sondaggi, +12% su Trump

di Massimo Maugeri e Giuseppe Santulli

Washington – A due settimane dall’Election Day Usa, il prossimo 8 novembre, la democratica Hillary Clinton avrebbe già la presidenza in tasca: un sondaggio Reuters/Ipsos le assegna il 95% di chance di vincere le elezioni.L’ultimo rilevamento della Abc assegna all’ex segretario di Stato 12 punti di su Donald Trump a livello anzionale, 50% a 38%. Il distacco tra la democratica e il repubblicano sale tra le donne a 20 punti, 55% a 35%.Il magnate newyorchese è in vantaggio di 4% tra gli elettori bianchi, 47% a 43%.

Trump ha intanto presentato il suo programma ‘presidenziale’ per i primi 100 giorni alla Casa Bianca e minaccia di querelare le donne che lo hanno accusato di molestie sessuali. 

CLINTON HA IL 95% DI CHANCE DI CONQUISTARE LA CASA BIANCA

Hillary vola nei sondaggi: ha il 95% di chance di essere eletta mentre Trump solo il 5%. Numeri, secondo una rilevazione Reuters/Ipsos, che tradotti in “grandi elettori” (i delegati di ogni singolo Stato che formalmente eleggeranno il presidente il 19 dicembre) darebbero a Clinton 326 voti (ben 56 in più dei 270 sul totale di 538 necessari per conquistare la Casa Bianca) mentre Trump ne otterrebbe 212.

IL ‘PROGRAMMA PRESIDENZIALE’ DI TRUMP

Trump ha illustrato quello che ha sostenuto sarà il suo programma per i primi 100 giorni da inquilino della Casa Bianca, anche se in realtà si è soprattutto limitato a ripetere una serie di slogan. Il candidato del Grand Old Party (Gop) ha promesso che cambiera “il sistema marcio” che governa Washington sostituendolo “con un nuovo governo di e per il popolo”, ha dichiarato citando Abraham Lincoln Trump ha promesso, tra l’altro, di creare “almeno 25 milioni di posti di lavoro in un decennio”, di frenare l’immigrazione illegale, di rinegoziare l’accordo di libero scambio con Canada e Messico (il ‘Naftà o ‘North American Free Trade Agreement’), di cancellare la riforma sanitaria voluta da Obama e di abolire l’accordo di libero scambio tra gli Usa e 11 Paesi del Pacifico (Trans-Pacific Partnership o TPP) raggiunto lo scorso anno. Trump ha aggiunto che intende anche “cancellare miliardi di finanziamenti al programma contro il cambiamento climatico delle Nazioni Unite” ed usare questi soldi risparmiati “per aggiustare la rete per la distribuzione dell’acqua e per proteggere l’ambiente in America”.

TRUMP MINACCIA DI QUERELARE LE DONNE CHE LO ACCUSANO DI MOLESTIE

L’aspirante presidente repubblicano ha annunciato oggi che querelerà per diffamazione tutte le donne che nelle ultime due settimane (almeno 10) lo hanno accusato di averle molestate sessualmente negli anni scorsi. “Tutte le donne mentono quando si fanno avanti per danneggiare la mia campagna” elettorale perchè si tratta “di montature assolute.

Arriva l’ennesima denuncia di molestie: è la pornostar Jessica Drake

Gli eventi che raccontano non sono mai successi. Tutte queste bugiarde saranno citate in giudizio alla fine delle elezioni” ha detto Trump Trump, riferisce la Cnn, si è spinto oggi fino a suggerire che sia tutta una macchinazione della rivale democratica Hillary Clinton. “Probabilmente sono (il partito democratico) e la campagna di Hillary ad aver spinto queste bugiarde con le loro balle” ha dichiarato.

DA SOSTENITORI A HILLARY 200 MLN DI DOLLARI, A TRUMP SOLO 46

Secondo i dati raccolti dalla Federal Election Commission (responsabile di verificare la gestione della campagna elettorale dei candidati negli Usa) la decina di differenti organizzazioni (i cosiddetti ‘super-Pac’, ‘Political action commitee’, che non sono legati direttamente ai singoli candidati ma possono raccogliere dal 2010 fondi senza limiti per sostenere le loro singole proposte) che sostengono Clinton hanno raccolto da maggio all’inizio di ottobre oltre 200 milioni di dollari e ne hanno spesso 110 in spot tv, radio e sui nuovi media. La manciata di organizzazioni che appoggia il rivale Trump ne ha racimolati solo 46.

NYT, I DEMOCRATICI HANNO 65% CHANCE DI RICONQUISTARE IL SENATO

Secondo il New York Times i democratici hanno il 65% di chance di riconquistare la maggioranza al Senato dove da due anni sono in minoranza, con 44 seggi contro i 54 dei repubblicani. L’8 novembre non si eleggerà solo il 45esimo presidente degli Stati Uniti ma sono in palio anche la rielezione di tutti i 435 deputati (al momento sono 247 repubblicani e 188 democratici) della House of Representatives, di 34 senatori (24 repubblicani e 10 democratici) su 100 (al momento sono 54 repubblicani, 44 democratici e due indipendenti). Ed è proprio sull’impedire la riconquista del Congresso, Senato più Camera, da parte dei democratici, che si sta concentrando il partito repubblicano, che ormai, visti i sondaggi disastrosi di Donald Trump, teme di aver già perso la Casa Bianca.

L’ENDORSEMENT DEL NEW YORKER

Ultimo tra i grandi giornali di opinione, anche il prestigioso e raffinato ‘New Yorker‘ si esprime pubblicamente per Hillary Clinton. In un post pubblicato sulla propria pagina internet e sui social media, il settimanale sottolinea che ‘l’elezione di Hillary Clinton è un evento che saluteremmo per la sua importanza storica e con sollievo indescrivibile’.

Endorsement alla Clinton dai colossi della New Economy, da Twitter a Facebook, da Apple a Wikipedia

Il ‘New Yorker’ si aggiunge alla lunghissima serie di giornali che dall’inizio della campagna elettorale ha pubblicamente espresso il suo appoggio per la candidata Dem, dal New York Times al Washington Post, fino al caso dell’Atlantic, che ha espresso il terzo endorsement della sua storia ultracentenaria annunciando il suo appoggio per la Clinton. Era capitato solo per Abramo Lincoln e Lyndon B. Johnson.

I PROSSIMI APPUNTAMENTI

Hillary sarà oggi in North Carolina, prima a Charlotte e poi a Raleigh mentre il suo candidato vice presidente Tim Kaine si concentrerà sulla Florida. A Las Vegas in Nevada parlerà il presidente Bracak Obama. Trump farà due comizi in Florida: prima a Naples poi a St. Augustine. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.