TwitterFacebookGoogle+

Cocaina alla Roma "bene", 10 in manette

Roma – Rifornivano di cocaina alcune zone della Roma bene le due organizzazioni di spacciatori smantellate dai Carabinieri della Compagnia Roma Cassia, coadiuvati dal Nucleo Carabinieri Cinofili di Roma Santa Maria di Galeria, a conclusione di un’indagine durata sei mesi e coordinata dalla Procura della capitale. Dieci i destinatari di ordinanza di custodia cautelare: 6 in carcere, 3 ai domiciliari e un obbligo di presentazione agli uffici della polizia giudiziaria. Per alcuni l’accusa e’ di associazione a delinquere finalizzata alla detenzione ai fini di spaccio ed allo spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, per altri di concorso nel reato continuato di detenzione e cessione della medesima sostanza. Tra i clienti abituali, appartenenti a tutte le categorie sociali, numerosi soggetti benestanti della zona nord, assidui frequentatori di luoghi di ritrovo e circoli sportivi.

Il blitz dei militari si e’ svolto tra San Basilio, La Pisana e Tor Bella Monaca e nel Comune di Monte Compatri (Roma). Il primo dei gruppi, con base a San Basilio, era caratterizzato secondo gli investigatori da “una struttura gerarchicamente ordinata, dove vigeva una consolidata ripartizione dei compiti e dei ruoli assegnati a ciascuno dei partecipanti, distinguendo addirittura il ruolo di pusher in ragione dell’importanza o meno del cliente e del quantitativo di cocaina consegnata”. La droga veniva stoccata in luoghi sicuri, lontani da quelli di spaccio; le schede telefoniche utilizzate per tenere i contatti erano intestate a prestanome e sostituite di frequente; gli ordini dei capi erano eseguiti scrupolosamente e i pusher dovevano essere pronti a fare le consegne a qualsiasi ora del giorno e della notte. Il secondo gruppo, meno strutturato, aveva la base logistica in un comprensorio residenziale alla Pisana. E’ stato un arresto effettuato nei primi mesi del 2015 in un condominio di via Cassia, contestualmente al sequestro di 220 grammi di cocaina pura all’85%, a far scattare l’indagine: il giro illecito di affari per i componenti dei due gruppi criminali e’ valutabile nell’ordine di decine di migliaia di euro alla settimana e mediamente di 3 chili di cocaina al mese. Nel corso dell’inchiesta i Carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato 9 persone e sequestrato 764 grammi di cocaina. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.