TwitterFacebookGoogle+

Colosseo chiuso: sindacati, attacco strumentale; pronti a sciopero

(AGI) – Roma, 18 set. – Gli attacchi all’assemblea sindacale che ha tenuto chiusi per tre ore i principali siti archeologici di Roma sono “strumentali contro i diritti dei lavoratori”, e sono state gia’ avviate le procedure per uno sciopero. Lo scrivono in una nota Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Pa. “La RSU della Soprintendenza Archeologica di Roma – ricordano i sindacati – ha convocato per oggi una assemblea generale dei lavoratori per discutere delle gravi questioni e dei gravi disagi vissuti dai lavoratori in ordine alle problematiche che sono state poste all’ordine del giorno. Una assemblea perfettamente legittima, che nulla ha a che vedere con precedenti iniziative che sono state riportate strumentalmente sui media, richiesta in data 11 settembre scorso e svolta nel pieno rispetto delle norme che regolano i servizi essenziali”. “Ricordiamo peraltro – aggiungono i sindacati – che iniziative analoghe avvengono in tutti i paesi d’Europa, citiamo il caso dei lavoratori della National Gallery di Londra, in mobilitazione da diversi mesi contro la privatizzazione dei servizi, o i lavoratori della Tour Eiffel a Parigi, che l’anno scorso hanno chiuso per ben tre giorni il monumento piu’ visitato di Francia senza che a nessuno degli esponenti politici o dei media di questi paesi sia venuto in mente di mettere in discussione i diritti fondamentali dei lavoratori. In Italia no, l’espressione legittima e democratica di un diritto sancito dalla Costituzione viene messo pesantemente in discussione con dichiarazioni dello stesso Ministro Franceschini, che oggi paventa non si sa bene quali misure sui servizi essenziali, e dalla stesso Presidente della Commissione di Garanzia sugli scioperi il quale del tutto impropriamente interviene sulla questione a dispetto del ruolo di garanzia che dovrebbe esercitare”. Allo stesso Ministro i sindacati ricordano che “la tutela del nostro patrimonio culturale rientra gia’ nella normativa sui servizi essenziali, stabilendo il limite tra l’esercizio di un diritto fondamentale dei lavoratori e le esigenze dei cittadini. Nel caso di assemblea dei lavoratori peraltro la stessa normativa contrattuale prevede la formazione di presidi a tutela della integrita’ dei siti. Andare oltre questo limite significa mettere in discussione i diritti costituzionali e questo il Ministro dovrebbe saperlo. Infine noi ricordiamo che giusto qualche giorno fa abbiamo avviato le procedure di conciliazione propedeutiche alla dichiarazione di sciopero proprio per gli stessi motivi richiamati all’ordine del giorno dell’assemblea convocata dalla RSU romana e che certo il perseverare di questi attacchi gratuiti e strumentali ai lavoratori non aiuta la composizione del conflitto”. Il ministro Franceschini replica ai sindacati: “Nessuno vuole limitare il diritto dei lavoratori” a fare assemblee o scioperi. “Ma servono delle regole chiare”. Lo ha detto il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, entrando a palazzo Chigi per la riunione del Consiglio dei ministri, in merito al decreto annunciato oggi dallo stesso ministro e dal premier Renzi dopo quanto successo al Colosseo ed ai Fori a seguito di una assemblea dei lavoratori. Lo sciopero dei lavoratori dei beni culturali e dei musei, nonche’ dei luoghi di cultura all’aperto come il Colosseo ed i Fori imperiali sara’ regolato dalle stesse norme che valgono per gli scioperi nei servizi pubblici essenziali. Questo il contenuto del decreto che il governo varera’ oggi, come annunciato dal premier Matteo Renzi. A spiegarlo e’ il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, entrando a pazzo Chigi. .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.