TwitterFacebookGoogle+

Come è andato il debutto internazionale del numero due di Trump

Il vicepresidente americano Mike Pence, inviato in missione da Donald Trump in Europa per rassicurare gli alleati che temono un ripiegamento su se stessi degli Stati Uniti, ha garantito che gli Usa rimangono “il miglior alleato” degli europei. Ma non ha fatto alcun cenno all’Ue, rafforzando il timore che la nuova amministrazione americana voglia salvaguardare solo alcuni aspetti del suo rapporto con l’Unione, ignorandone altri. Poco prima di lui, alla Conferenza per la Sicurezza di Monaco, aveva parlato la cancelliere tedesca, Angela Merkel, spronando a superare gli egoismi nazionali e ricordando l’impegno delle organizzazioni internazionali che sono state un’asse portante dell’ordine mondiale post Guerra Fredda. “Il presidente (Trump) mi ha detto di venire qui a portare questo messaggio, questa rassicurazione: gli Stati Uniti appoggiano decisamente la Nato e sostengono senza incertezze il nostro impegno con questa alleanza transatlantica”. “Non abbiate dubbi sul nostro impegno”, ha aggiunto Pence, che parlava per la prima volta dinanzi al gotha diplomatico-militare mondiale.

“Saremo sempre il vostro più grande alleato”

E’ stato dunque un altro appello alla calma agli alleati europei dopo che il segretario alla Difesa, James Mattis, aveva detto che la Nato è “fondamentale” per gli Stati Uniti; e il segretario di stato, Rex Tillerson, aveva rassicurato che ogni accordo con la Russia non passerà sulla testa degli alleati. “Siamo oggi e saremo sempre il vostro maggiore alleato”, ha aggiunto Pence ricordando i valori comuni di “democrazia, giustizia e stato di diritto” condivisi con gli occidentali. Ma l’assenza di ogni riferimento all’Unione Europea è stato notato da molti. Anche il ministro degli Esteri francese, Jean-Marc Ayrault, ha lamentato su Twitter che il vicepresidente “non ha detto una sola parola sull’Ue”, una questione su cui invece l’Europa si attendeva qualche tipo di pronunciamento dopo che Trump aveva festeggiato il successo della Brexit e lasciato capire che non gli dispiacerebbe vedere la dissoluzione dell’unione Europea.

Con tono pacato e solenne, Pence ha poi ripetuto la richiesta americana di un impegno finanziario maggiore da parte degli alleati della Nato ma senza minacciare di ridurre il contributo degli Stati Uniti. “La difesa europea reclama il nostro impegno come il vostro. La promessa di condividere il peso della nostra difesa e’ stato troppo a lungo non rispettata da troppi e questo erode dalle fondamenta la nostra Alleanza”. E ancora: “Il presidente Trump spera che i suoi alleati mantengano le parola”. Alle sue parole, hanno reagito i ministri degli Esteri europei, per esempio, il capo della diplomazia tedesca, Sigmar Gabriel, il quale ha ricordato che gli europei hanno contribuito alla stabilità mondiale per mezzo degli aiuti allo sviluppo.

Mosca chiede un nuovo ordine post-occidentale

Quanto alla Russia, tentando di rassicurare gli europei preoccupati del riavvicinamento di Washington a Mosca, Pence ha promesso maggiore fermezza, ma al tempo stesso ha anche auspicato una maggiore cooperazione: “Sappiatelo: gli Stati Uniti continueranno a chiedere conto alla Russia, nello stesso momento in cui cerchiamo un nuovo terreno comune, che, come sapete, il presidente Trump ritiene possa essere trovato”. La Russia “non cerca il conflitto”, anche se è intenzionata a difendere i propri interessi, e punta comunque a costruire con gli Stati Uniti rapporti fondati “sul pragmatismo, il mutuo rispetto e il riconoscimento della responsabilità condivisa per la stabilità globale”, ha replicato Serghei Lavrov nel suo intervento dal podio degli oratori. Il ministro degli Esteri russo ha quindi sottolineato come “le classi dirigenti debbano fare una scelta”, e ha “auspicato” sia quella di un nuovo “ordine mondiale” al contempo “democratico” e “giusto”, basato cioè su presupposti diversi dagli attuali, in cui “ogni Paese è contraddistinto dalla propria sovranità”. Un ordine, ha aggiunto, “post-occidentale, se vi va di chiamarlo così”.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.