TwitterFacebookGoogle+

Com'era Hiroshima prima dell'atomica? Un video inedito la mostra in tre minuti

Sta nei primi fotogrammi coi ciliegi in fiore l’effimera bellezza della natura, di una città e degli uomini che l’abitavano nella totale inconsapevolezza di una immane tragedia che dieci anni e quattro mesi dopo – il 6 agosto 1945 – li avrebbe distrutti quasi tutti.

E’  fra il 3 e il 4 aprile del 1935 che il signor Genjiro Kawasaki gira un filmato a Hiroshima, in 16 millimetri e senza sonoro, indugiando sullo splendore degli alberi di sakura – ineludibile in quella stagione – e sulla vita febbrile di una città dove tutto però appare ordinato: i tram, le rare automobili, i ciclisti, la gente che attraversa e che attende agli affari. Le donne sono in kimono che il bianco e nero fa immaginare dai colori assai belli, mentre fra gli uomini prevale la moda occidentale. Approfittando della primavera, c’è chi si diverte pescando o a fare un giro in barca.

I ponti Aioi e Motoyasu, proprio dove sarebbe caduta la bomba ‘Little Boy’, la zona di Hatchobori sono i luoghi che filmò Kawasaki, con mano amatoriale che rende forse per questo più toccanti le immagini – tre minuti e nove secondi – dei volti, dei negozi presumibilmente prosperi, di ragazzini che negli stessi giorni di dieci anni dopo sarebbero stati soldati morti o vivi del Sol Levante in guerra.

Il video, digitalizzato e restaurato, era inedito ed è stato diffuso dal Museo Memoriale della Pace di Hiroshima, che rivendica gli sforzi per preservare e salvare dal deterioramento le rare testimonianze della città prima di ‘quel giorno’. Questa rarità, e questi sforzi, bastano per valutare quale fu la distruttività della bomba americana, anche per la memoria civile di chi non fu tra i centomila uccisi, sull’istante o dopo, dall’atomica e  dalle radiazioni.

Il signor Kawasaki donò il filmato al Museo nel 1963, dove rimase conservato prima di restaurarlo con le sue immagini di vita felice.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.