TwitterFacebookGoogle+

Comey, capo Fbi repubblicano che azzoppa Clinton

Roma – Fu il presidente Usa, Barack Obama, nel 2013 a scegliere James Comey, un repubblicano, a capo dell’Fbi. E chissà che ora non abbia a pentirsene considerato che proprio Comey, a pochi giorni dal voto dell’8 novembre, ha aperto un’inchiesta sulla candidata democratica Hillary Clinton che rischia di azzoppare irrimediabilmente la sua corsa. Ex funzionario del dipartimento di Giustizia, Comey è considerato un repubblicano di qualità. Sotto l’amministrazione di George W.Bush era arrivato a diventare il ‘numero 2’ del ministero della Giustizia. Obama probabilmente volle fare una scelta bipartisan. Non solo: certamente sapeva che Comey, molto preparato e alle spalle una carriera illibata, aveva avuto un ruolo chiave in uno degli episodi più delicati del mandato di Bush jr.: nel 2004, mentre il procuratore generale John Ashcroft era malato e ricoverato in ospedale per una pancreatite, due collaboratori del presidente -il capo dello staff, Andrew Card Jr, e Alberto R. Gonzales- tentarono di approfittare della sua debolezza per autorizzare la reiterazione della controversa legge sulle intercettazioni indiscriminate promulgata dopo l’11 settembre. Comey, che aveva assunto i poteri del procuratore, si precipitò nella stanza dell’ospedale e riuscì a bloccare Gonzales e Card. Un vero ‘public servant’, la cui determinazione forse fu la chiave che convinse Obama. Ma ora questa determinazione rischia di giocare uno sgambetto al Partito democratico. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.