TwitterFacebookGoogle+

Comitato No, ricorso se Sì vince con voto estero

Roma – Se al referendum costituzionale del 4 dicembre il Sì dovesse vincere con il contributo decisivo del voto degli italiani all’estero, il fronte del No è pronto a fare ricorso. Ad assicurarlo è il costituzionalista Alessandro Pace, presidente del Comitato per il No, che ha incontrato i giornalisti alla Stampa estera per spiegare ai corripondenti delle testate straniere le ragioni del No. Immediata la risposta del premier Matteo Renzi risponde: “Vogliono solo buttarla in rissa”.

“Noi avremo la possibilità di effettuare reclamo all’ufficio centrale del referendum”, ha spiegato Pace. L’ufficio centrale, ha aggiunto, “è un organo giurisdizionale che può sollevare questioni di costituzionalità” davanti alla Consulta. Il voto, secondo quanto stabilisce la nostra Carta, è “personale, libero e segreto” ma per il modo con cui si vota dall’estero “non è garantita la segretezza”. 

La risposta di Renzi arriva da Piombino, dove il premier è a un incontro per il Sì: “Noi non faremo ricorsi e controricorsi. Loro vogliono solo buttarla in rissa, la nostra reazione sarà calma e gesso. Noi vogliamo parlare del merito” delle riforme. E torna a ribadire: “Al referendum non si vota su di me”, parlando di riforme “per far correre” un’Italia che “va troppo piano”. L’Italia “deve accelerare il passo – insiste – e per questo non si può essere circondati da burocrati e avere 950 parlamentari e la sovrapposizione di competenze tra stato e regioni. Si deve decidere se si vuole cambiare o no”.

Per Pace la riforma Boschi è “eversiva della Costituzione” e “manda all’aria la struttura” della Carta. E denuncia: “Qualora il 4 dicembre i cittadini dovessero confermare la legge Boschi avremmo un’altra Costituzione, verrebbe radicalmente modificata la forma di governo”. Il Senato, continua, “non darà più la fiducia e sarà bloccato. L’unica camera funzionante, grazie al porcellum, esprimerebbe 340 seggi a favore della maggioranza. E ancorché al presidente del Consiglio non vengano attribuiti maggiori poteri, avremo un uomo solo al comando. I poteri sono già tanti, ma quello che succede è che non ci saranno più contropoteri”. Sono 704 i comitati per il No che operano sul territorio, 100 quelli formati dagli studenti e 35 comitati per il No all’estero.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.