TwitterFacebookGoogle+

Con Clinton ha perso la Silicon Valley, ora è "#Calexit"

di Sonia Montrella – @SoniaMontrella

Roma – Dopo la Brexit è la volta della #Calexit: questo l’hashtag di tendenza sui social coniato dai californiani che sognano la secessione dagli Stati Uniti pur di non dover vivere sotto Donald Trump. Il gruppo Yes California Independence Campaign, guidato dal 30enne Louis Marinelli, da tempo si batte con questo obiettivo e ha già fissato l’anno del referendum con cui la sesta economia del mondo potrebbe staccarsi dagli altri States: il 2018. Il referendum che ha sancito il divorzio tra Gran Bretagna e Ue e, soprattutto, la vittoria di Trump, stanno dando nuovo impeto al movimento: Shervin Pishevar, pioniere di Uber e co-fondatore di Hyperloop One, ha annunciato su Twitter che promuoverà una raccolta fondi per l’indipendenza della California.

 

1/ If Trump wins I am announcing and funding a legitimate campaign for California to become its own nation.

— Shervin (@shervin) 9 novembre 2016

 

Migliaia in piazza manifestano contro Trump

Pishevar significa anche Silicon Valley, l’ecosistema di imprese hi-tech più famoso del mondo che si è schierato in blocco con la candidata democratica, Hillary Clinton, garantendole supporto e finanziamenti. La Valley a sud di San Francisco sperava di mantenere quella linea diretta con la Casa Bianca inaugurata e consolidata sotto Barack Obama. La disfatta dell’ex Segretario di Stato, che pure in California ha ottenuto il 61,5% di consensi, rappresenta, una sconfitta cocente anche per l’industria digitale californiana che aveva fatto piovere fondi sulla campagna democratica. A iniziare da Google che ha donato 335mila dollari solo da agosto a ottobre. E non è il solo. L’amministratore delegato di Apple, Tim Cook, ha donato personalmente 50mila dollari, mentre il co-fondatore di Facebook Dustin Moskovitz e sua moglie Cari Tuna hanno recapitato a Hillary un “post” di sostegno 20 milioni di dollari. Altri 40mila dollari sono arrivati dal fondatore di Linkedin Reid Hoffman. Il Ceo di Airbnb, Brian Chesky, ha versato 10mila dollari, Reed Hastings di Netflix 40mila.

Gli stessi nomi figuravano in calce a una lettera firmata da 140 imprenditori e manager della Silicon Valley e pubblicata lo scorso giugno in cui si criticava l’approccio di Trump sui limitati investimenti nelle infrastrutture tecnologiche e sul tema dell’immigrazione.

Contro Trump non c’è solo l’elite dell’industria digitale, ma anche le generazioni più giovani di californiani che da mercoledì sera sono scese in strada per manifestare agitando cartelli con su scritto “Not my President“. Un mondo eterogeneo di studenti, afroamericani, latinos e “arrabbiati” vari che ha trovato una saldatura nella contestazione del presidente appena eletto e a cui Yes California, presente alle proteste, si candida ad offrire un ombrello politico. 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.