TwitterFacebookGoogle+

Con l'arrivo della primavera torna il maltempo. Le previsioni per i prossimi giorni

Non sarà un nuovo Buran, con neve anche al Sud, ma la settimana prossima, che formalmente vedrà l’inizio della primavera, sarà caratterizzata da un colpo di coda dell’inverno che porterà temporali e rovesci sull’Italia, con un deciso calo delle temperature. Ecco cosa ci attende nei prossimi giorni secondo il Servizio Meteorologico dell’Aeronautica militare.

Le previsioni per lunedì

  •  Nord – Cielo molto nuvoloso o coperto con deboli precipitazioni su Liguria e bassa Lombardia, nevose sulle aree alpine e prealpine centrorientali a partire dai 500 metri e fino a quote basse al mattino sull’Emilia Romagna centroccidentale e sulle aree pianeggianti del triveneto; durante le ore serali graduale attenuazione dei fenomeni su gran parte delle aree pianeggianti.
  • Centro e Sardegna – Condizioni di moderato maltempo con piogge, rovesci e temporali specialmente sul versante tirrenico, nevicate sui rilievi toscani, marchigiani ed abruzzesi oltre i 1000-1200 metri, con quota neve in discesa dal pomeriggio su quest’ultimi; graduale miglioramento previsto dalla tarda serata a partire dai settori tirrenici di Toscana e Lazio.
  • Sud e Sicilia – Addensamenti consistenti sulle regioni tirreniche con fenomeni in prevalenza temporaleschi, meno intensi dal pomeriggio sull’isola; sulle altre zone estesa nuvolosita’ medio-alta con deboli piogge e qualche rovescio associato, in attenuazione serale.
  • Temperature – Minime in diminuzione su Liguria centrorientale, pianura padana, restante territorio di Emilia-romagna e triveneto e sulla Sardegna; in lieve rialzo sui rilievi alpini occidentali e sul Salento; senza variazioni di rilievo sul resto del territorio; massime in calo su Lombardia, regioni adriatiche settentrionali, Marche, nord Toscana, Umbria, Lazio centromeridionale, nord Campania, Salento, Calabria e Sicilia; in tenue aumento su Piemonte centromeridionale, ponente ligure e lungo le coste di Toscana, Abruzzo, Molise e Puglia garganica; generalmente stazionarie altrove.
  • Venti – Occidentali, da moderati a localmente forti sulla Sardegna e da deboli a moderati su Sicilia, Calabria, Campania e Basilicata tirrenica con raffiche sulle aree appenniniche; deboli di direzione variabile sulle regioni centrali e su quelle alpine, moderati intorno nord-est con locali rinforzi sulle coste adriatiche settentrionali, dai quadranti orientali sulla pianura padana e da quelli settentrionali sulla Toscana.
  • Mari – Da agitati a molto agitati il mar di Sardegna, le bocche di Bonifacio ed il Tirreno centrale a nord; da molto mossi ad agitati il canale di Sardegna, il restante Tirreno e l’Adriatico settentrionale; molto mosso lo Jonio; da mossi a molto mossi i restanti mari. 

Le previsioni per martedì

  • Nord – Al mattino molte nubi ovunque con deboli piogge sulla Romagna e nevicate altrettanto deboli sui rilievi alpini oltre i 700 metri; nel pomeriggio temporaneo miglioramento con assorbimento dei fenomeni e contestuale attenuazione della copertura su Liguria centrale, Piemonte orientale, Lombardia occidentale, aree alpine lombarde e sul Trentino Alto Adige; in serata attesa di una nuova intensificazione della nuvolosità sul gran parte del settore con deboli nevicate sulle Alpi occidentali e sui rilievi appenninici emiliano-romagnoli a quote di bassa collina.
  • Centro e Sardegna – Cielo molto nuvoloso o coperto con piogge, rovesci e temporali che dalla Sardegna, si estenderanno dalla tarda mattinata alle aree meridionali di Toscana, Umbria e Marche, ed in forma più diffusa al Lazio e all’Abruzzo; in serata poi i fenomeni tenderanno a coinvolgere le restanti zone peninsulari, eccezion fatta per la porzione più settentrionale della Toscana. Tali precipitazioni assumeranno carattere nevoso dal pomeriggio sui rilievi appenninici abruzzesi a partire dai 1000-1100 metri e si estenderanno in serata alle restanti aree appenniniche centrali con quota neve in rapido abbassamento fino ai 500 metri, e fino a quote prossime alla pianura sulle Marche; atteso qualche fiocco di neve in serata anche sui rilievi sardi a partire dai 900-1000 metri.
  • Sud e Sicilia – Al mattino nuvolosità in rapida intensificazione a partire dal settore tirrenico con deboli fenomeni sparsi su Sicilia, Campania e Puglia; dal pomeriggio deciso peggioramento con precipitazioni diffuse a prevalente carattere di rovescio o temporale su Sicilia centroccidentale, Molise, Campania, Basilicata tirrenica e Puglia garganica, in estensione serale al restante meridione; i fenomeni potranno assumere carattere di forte intensità lungo le aree tirreniche di Campania meridionale, Basilicata e Calabria e saranno nevose in serata, seppur di debole intensità, sul Molise occidentale oltre i 1200 metri.
  • Temperature – Minime in calo sulle aree alpine, regioni centrali peninsulari ed aree ioniche; in lieve rialzo sull’Emilia Romagna; senza variazioni di rilievo altrove; massime in diminuzione su Alto Adige, basso Piemonte, Sardegna, Sicilia occidentale e regioni centromeridionali adriatiche; stazionarie sulle restanti aree alpine, coste ed immediato entroterra del Lazio, Campania e Basilicata occidentale; in aumento sul resto del Paese.
  • Venti – Deboli orientali in Valpdana; moderati dai quadranti settentrionali sul resto del nord, Sardegna, Toscana, Marche, Umbria ed alto Lazio con ulteriori rinforzi su Liguria, coste settentrionali adriatiche e sull’isola; moderati meridionali altrove e fino a forti sulle regioni ioniche.
  • Mari – Da molto agitati a grossi il mare e canale di Sardegna; da agitato a molto agitato il Tirreno meridionale ad ovest; da molto mossi ad agitati il mar Ligure, il restante Tirreno, lo stretto di Sicilia e lo Jonio; da mosso a molto mosso l’Adriatico.

Le previsioni per mercoledì

Maltempo al centro-sud con precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale, più intense sulla Campania e nevose sulle aree appenniniche, anche a quote basse su Marche ed Abruzzo; dal pomeriggio attesa una attenuazione della nuvolosità e delle precipitazioni sulle regioni centrali tirreniche con ampie schiarite; in serata graduale assorbimento dei fenomeni anche al meridione, eccezion fatta per Calabria e Sicilia; cielo sereno su quasi tutto il nord, salvo iniziali velature sul triveneto.

Le previsioni per giovedì

Addensamenti compatti sulle regioni meridionali e su quelle centrali adriatiche con deboli fenomeni, più diffusi sulle zone ioniche ed ancora nevosi sulle aree appenniniche e sui rilievi sardi, ma in progressiva attenuazione sul settore peninsulare; ampio soleggiamento e scarsa nuvolosità altrove.

Le previsioni per venerdì e sabato

Nella giornata di venerdì ancora molte nubi con rovesci associati sulle aree ioniche e sulla Sicilia e con deboli nevicate sul settore appenninico meridionale, in miglioramento dalla serata; cielo sereno o poco nuvoloso su resto del territorio con aumento della nuvolosità dalle ore serali su nord-ovest e Sardegna. Sabato nuova intensificazione della copertura nuvolosa al nord e sulle isole maggiori con deboli nevicate sulle aree alpine occidentali e piogge sulla Sardegna.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.