TwitterFacebookGoogle+

Confindustria: assunzioni rinviate al 2015 in attesa Jobs Act

(AGI) – Roma, 28 gen. – L’occupazione “e’ calata a novembre di 48mila unita’ che, sommatealle 65mila perse a ottobre, portano la variazione nel bimestre autunnale a -0,2% rispetto al terzo trimestre. Questi dati sembrano mettere in forse il quadro di stabilizzazione degli occupati delineatosi da fine 2013; tuttavia, la diminuzione dello stock di persone con lavoro potrebbe riflettere il fatto che le imprese abbiano rinviato assunzioni al 2015, in vista dei cambiamenti normativi in atto e dei benefici contributivi appena introdotti”. E’ quanto afferma il Centro studi Confindustria, secondo cui “se questa fosse la spiegazione, allora e’ prevedibile un’ulteriore flessione a dicembre, seguita da un rimbalzo nei primi mesi del 2015”. Le aspettative delle imprese sull’occupazione, si legge in Congiuntura Flash, sono in miglioramento: il saldo delle risposte di quelle sopra ai 50 dipendenti e’ per i primi tre mesi del 2015 pari a -8,1 (da -8,6 del trimestre precedente e -13,9 di un anno fa). Il tasso di disoccupazione ha toccato in novembre il massimo storico: 13,4% (+0,1 mensile). L’aumento rispetto al 12,4% dell’ultimo quarto 2013, spiega Csc, e’ principalmente dovuto all’espansione della forza lavoro (+1,0% da fine 2013). (AGI)
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.