TwitterFacebookGoogle+

Consulta boccia riforma Madia, “parzialmente illegittima”

Roma – La Consulta boccia la riforma Madia della Pubblica amministrazione dichiarandola “parzialmente illegittima” nel punto in cui l’attuazione dei decreti prevede un semplice parere della Conferenza Stato-Regioni. Questo non basta: serve un’intesa preventiva, per non ledere l’autonomia delle Regioni.

Si fa in particolare riferimento a 4 punti della legge delega:

  1. Dirigenza pubblica
  2. Riordino della disciplina delle partecipazioni societarie 
  3. Servizi pubblici locali di interesse economico generale
  4. Pubblico impiego.

Nella sentenza numero 251 della Corte Costituzionale, a seguito di un ricorso della Regione Veneto, si legge che la riforma Madia è “parzialmente illegittima” dove “prevede che i decreti legislativi attuativi siano adottati previa acquisizione del parere reso in sede di Conferenza unificata, anziché previa intesa in sede di Conferenza Stato-Regioni”. Quando “non è possibile individuare una materia di competenza dello Stato cui ricondurre, in via prevalente, la normativa impugnata, perché vi è, invece, una concorrenza di competenze, statali e regionali, relative a materie legate in un intreccio inestricabile, è necessario che il legislatore statale rispetti il principio di leale collaborazione e preveda adeguati strumenti di coinvolgimento delle Regioni (e degli enti locali), a difesa delle loro competenze”.

La Corte ha invece respinto i dubbi di legittimità costituzionale proposti dalla Regione Veneto nei confronti delle norme recanti la delega a modificare e integrare il Codice dell’amministrazione digitale. Le eventuali impugnazioni delle norme attuative dovranno tener conto “delle concrete lesioni delle competenze regionali, alla luce delle soluzioni correttive che il Governo, nell’esercizio della sua discrezionalità, riterrà di apprestare in ossequio al principio di leale collaborazione”, conclude la Consulta. Più nel dettaglio l’illegittimità riguarda gli articoli 11, 17, 18 e 19 della legge 124 del 2015. Alcuni decreti sono stati già emanati (società partecipate e servizi pubblici locali), mentre quello sulla dirigenza dovrebbe essere promulgato domani, dopo aver avuto ieri il via libera definitivo dal Consiglio dei ministri. Il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, parla di “una sentenza storica, siamo stati gli unici ad aver creduto nei nostri diritti”. “E’ – aggiunge – uno storico colpo al centralismo sanitario governativo. I dirigenti della sanità non arriveranno da Roma”.

Immediata la replica del premier Matteo Renzi secondo il quale questa sentenza dimostra che bisogna mettere mano alla Costituzione: “E poi mi dicono che non devo cambiare le regole del Titolo V, siamo circondati da una burocrazia opprimente. Siamo un Paese bloccato”. La riforma del Titolo V, risponde a distanza la segretaria generale della Cgil, Susanna Camusso “non c’entra nulla in questo caso, mi pare strumentale”. Intanto il ministro Marianna Madia ha convocato i leader di Cgil, Cisl e Uil per mercoledì 30 sul rinnovo dei contratti pubblici.

Per approfondire:

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.