TwitterFacebookGoogle+

Conte torna dal vertice sui migranti soddisfatto “all'80%”

Soddisfatto per un accordo a 28 che giudica positivo “all’80 per cento”, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, lascia Bruxelles al termine di un vertice Ue in cui si è svolta una lunga e faticosa trattativa sul tema dei migranti. Lo fa parlando di “piena sintonia” con il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, perché entrambi chiedono che si agisca su questo fronte non a parole ma “con i fatti” e racconta di un colloquio telefonico di stamattina dove c’è stato un “confronto molto sereno”.

Conte rivendica all’Italia di aver “rivoluzionato il tavolo” su questa questione impuntandosi fino a mantenere la possibilità di un veto su tutti i punti dell’ordine del giorno quasi fino all’alba, perché se ne discutesse. Del nuovo rapporto con l’Europa parlerà anche con Donald Trump, il 30 luglio, se gli verrà richiesto. “Ero qui per negoziare delle dichiarazioni, le abbiamo scritte, ho lottato fino alla fine”, ha spiegato ai giornalisti in conferenza stampa. Ed ha scherzato “Macron era stanco… Lo smentisco” rispetto a chi insisteva sulla posizione d’Oltralpe che vorrebbe i centri di accoglienza dei migranti nei Paesi di primo approdo.

Con Salvini solo un “lieve disaccordo”

Poi Contè tornato a parlare del titolare del Viminale e vicepresidente del Consiglio: con il leader del Carroccio un solo “lieve disaccordo”, scherza osservando “ci avete preso in castagna” perché per Salvini il patto siglato in Ue è buono solo al 70%. Certo, dice ancora Conte, se l’avesse scritto soltanto di suo pugno, il premier avrebbe inserito due cose che lo avrebbero fatto diventare valido al 100%.

L’Italia è stata un poco prepotente? Chiede in inglese una giornalista. “A little bit”, è la risposta di Conte. In conferenza stampa poi spiega che sull’accoglienza di migranti secondari l’Italia non ha siglato alcun impegno specifico con la Cancelliera Angela Merkel. Con lei ha “chiarito che non avremmo accettato di parlare di movimenti secondari se non avessimo parlato prima” degli sbarchi. “Vi invito a considerare il fatto – ha quindi esortato – che per molti Paesi era inaccettabile che ci fossero riferimenti ad azioni condivise, anche nel soccorso e nel salvataggio in mare”. Ora “è scritto nei fatti ‘it’s shared'” mentre l’Italia prima “era sola”.

Sulle banche un “confronto molto vivace”

Della manovra correttiva di cui arriva eco da Roma non parla: “Fatemi tornare in Italia e parlare con i ministri”, dice ai giornalisti mentre sulle banche, stamattina, riferisce di una discussione “molto vivace”, con l’Italia che ha anche bloccato, a un certo punto, il documento. Ma ora c’è la parte che riguarda la sicurezza e l’istituzione della condivisione del rischio del sistema. Già stamane fonti italiane parlavano di compromesso soddisfacente in Europa e sull’accordo arrivato nella notte spiegavano che sui migranti partivamo da zero, l’alternativa era far saltare il tavolo o portare a casa il piu’ possibile. Obiettivi importanti: dall’approccio multilaterale alla questione Ong che devono rispettare la legge, allo stop degli automatismi per cui chi salva vite umane le ospita nel proprio Paese, al trattato di Dublino. Il vertice non era ‘sotto dettatura’ e la lunga trattativa lo ha dimostrato, né manca la consapevolezza, ragionavano le stesse fonti, che ancora non è finita e ci sarà molto da lavorare per rendere operativi gli intenti.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.