TwitterFacebookGoogle+

Corbyn di dimette da 'Stop the War' dopo l'attacco alla regina

(AGI) – Londra, 20 set. – Nuova bufera su Jeremy Corbyn: il neo-leader laburista e’ stato costretto a dimettersi da presidente della ‘Stop the War Coalition’, dopo un duro attacco alla regina Elisabetta comparso sul sito della Ong pacifista. Una poesia pubblicata con grande evidenza ha accusato infatti la sovrana di aver commesso dei “crimini” e di aver “oliato le guerre della Gran Bretagna” mentre i membri della Famiglia reale sono stati definiti trafficanti di armi “amici di despoti e dittatori”. Alcune ore dopo la pubblicazione, sulla spinta dei media inglesi, Corbyn ha annunciato che lasciava dopo quattro anni la guida dell’Ong nata nel 2001 per contrastare quelle che definisce le “guerre ingiuste” combattute sull’onda dell’11 settembre. Il leader del Labour non ha pero’ rinunciato a inviare all’organizzazione un messaggio di sostegno, affermando che rappresenta “il meglio del meglio nel panorama dell’attivismo britannico”: “La vostra causa rimane la mia causa”, ha promesso. Inizialmente i collaboratori di Corbyn avevano tentato di minimizzare, affermando che lui non avesse letto la poesia. Poi, pero’, sono arrivate le critiche fra gli stessi ministri del governo-ombra laburista. Quello della Difesa, Kevan Jones, ha parlato di “calunnie offensive” agli occhi delle forze armate e “di molti elettori laburisti” e ha invitato Corbyn “a prendere le distanze dagli elemeti piu’ estremisti” del movimento pacifista. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.