TwitterFacebookGoogle+

Cornamusa poco pulita, musicista inala spore per anni e muore

Londra – La musica puòuccidere: è successo a un 61enne, morto in Gran Bretagna dopo aver inalato per anni i funghi che si annidavano nella sua cornamusa pulita male. Il musicista soffriva di tosse secca e affanno: un vero rompicapo per i medici che dopo un suo improvviso miglioramento durante una vacanza di tre mesi in Australia, dove si era recato senza la cornamusa, avevano avuto l’idea di far analizzare lo strumento.

Il caso è stato pubblicato ieri sulla autorevole rivista medica mensile ‘Thorax’. E’ cosi’ che hanno scoperto la presenza di spore annidate nella cornamusa, che ormai peròavevano compromesso i polmoni del musicista. Nonostante le cure, l’uomo è morto nell’ottobre 2014 e il suo è stato il primo caso registrato di polmonite da ipersensibilità provocata da funghi inalati suonando la cornamusa. “Chi suona strumenti a fiato deve comprendere l’importanza di pulirli regolarmente”, ha sottolineato uno studio, mettendo in guardia dalla minaccia di muffe e spore. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.