TwitterFacebookGoogle+

Corona torna in carcere

Milano – Fabrizio Corona torna dietro le sbarre. La squadra mobile di Milano ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, richiesta dalla Direzione distrettuale antimafia, nei confronti dell’ex fotografo dei vip e di Francesca Persi, l’amministratrice di fatto di una delle sue società, la Atena srl. L’accusa per l’ex fotografo dei vip è di intestazione fittizia dei beni aggravata dall’aver commesso il fatto mentre era affidato ai servizi sociali.

Tre giorni fa il Tribunale di Milano aveva disposto il sequestro di un milione e 700mila euro per un ipotizzato giro di soldi in ‘nero’ riconducibili all’ex ‘re dei paparazzi. I soldi erano nascosti in un pacchetto nel controsoffitto di un immobile di quello che è l’amministratore di fatto di una sua società. Nel provvedimento si spiegava che il presupposto del sequestro è “la pericolosità sociale” di Corona.

La richiesta di sequestro era stata presentata al Tribunale, sezione misure di prevenzione, dal procuratore aggiunto Ilda Boccassini e dal pm Alessandra Dolci. Nei giorni scorsi, il gip milanese Ambrogio Moccia aveva stabilito che l’ex fotografo dei vip avrebbe potuto continuare a scontare la sua pena attraverso l’affidamento in prova ai servizi sociali come misura alternativa al carcere. Il giudice aveva riconosciuto il vincolo della continuazione tra alcuni reati da lui compiuti ricalcolando in poco più di 5 anni il suo residuo di pena. 

A luglio Corona era stato ammonito dal giudice del Tribunale di Sorveglianza per una vacanza non autorizzata a Capri, con tanto di foto hot su una barca pubblicate su diverse riviste di gossip. Per questo il giudice aveva stabilito una restrizione sulle prescrizioni dell’affidamento, compreso il divieto di allontanarsi dalla Lombardia. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.