TwitterFacebookGoogle+

Cos'è esattamente un troll e cosa fa per aizzare il web

“Mi davano semplicemente dei soldi per scrivere”: per i troll dell’Internet Research Agency (Ira) di San Pietroburgo, agenzia il cui scopo è stato per anni quello di inventare finte notizie per orientare il dibattito politico russo e internazionale, è stato probabilmente solo un lavoro impiegatizio e ben pagato. Eppure il ruolo dell’Ira è oggi al centro di un dibattito mondiale sulle “fake news” e di un’inchiesta del dipartimento di Giustizia americano, che a febbraio del 2018 ha incriminato 13 russi per aver condotto per tre anni una campagna d’odio in seno alla democrazia americana.

Ma cosa sono i troll?

Nel gergo del web un troll è un utente dedito a provocare discussioni insultando e stuzzicando gli altri partecipanti a una comunità online. Spesso è possibile vederli in azione in particolare tra i commentatori delle pagine social dei giornali, dove insultano gli altri utenti o prendono posizioni volutamente. Ma questo termine nel tempo ha assunto un significato ben diverso, avvicinandosi a quello della “macchina del fango”, più nota al pubblico italiano. Numerose inchieste hanno svelato infatti una rete di organizzazioni dedite alla creazione e diffusione di notizie inventate, con l’obiettivo di sostenere una particolare politica (è il caso degli articoli a sostegno dell’annessione della Crimea da parte della Russia pubblicati sul sito Sputnik), o di creare caos e divisione (quanto accaduto con i cosiddetti troll di sinistra, che hanno promosso selettivamente temi il cui scopo era creare divisione tra i sostenitori del Partito Democratico statunitense).

“Se ho iniziato perché mi davano un sacco di soldi per nulla, quando ho lasciato ho iniziato a capire cosa stavo facendo e quanto fosse sbagliato”. In un’intervista resa a febbraio al New York Times, un ex-dipendente della russa Internet Research Association ha spiegato nel dettaglio il tipo di lavoro che lui e i suoi colleghi erano incaricati di svolgere. Modificare e ripubblicare informazioni, ingaggiare discussioni sui social, sponsorizzare il patriottismo russo evidenziando i difetti degli Stati Uniti: la quotidianità della fonte del giornale era scandita dalla lista di obiettivi che riceveva via mail e che doveva raggiungere dalla sua postazione. “Lavorando in una stanza con altre 40 persone, riceveva un flusso di articoli sui blog provenienti da altri scrittori dell’agenzia – scrive il Nyt -. Il suo lavoro consisteva nell’aggiungere commenti e condividere i post sulle altre piattaforme social. Ciascuno aveva una quota di almeno 80 commenti e 20 condivisioni al giorno”.

Una Ira italiana?

Nella notte tra il 27 e il 28 maggio una rete di falsi account Twitter ha promosso e diffuso la richiesta di dimissioni del capo dello Stato sostenuta in quei giorni da Luigi Di Maio (poi ritirata). In poche ore il numero di ‘persone’ e di commenti schierati contro Mattarella è aumentato vertiginosamente. Il tentativo, inizialmente attribuito all’agenzia con sede a San Pietroburgo, sembra però che sia partito dall’Italia, secondo quanto riportato dagli inquirenti.

Leggi anche: Ma allora chi è stato a scatenare l’attacco web contro il capo dello Stato?

A sostegno della pista russa il fatto che, negli stessi giorni in cui si è appreso che l’hashtag #MattarellaDimettiti era stato pesantemente coadiuvato da dei finti account su Twitter, il sito americano fivethirtyeight.com ha reso pubblico un elenco contenente 3 milioni di tweet prodotti dall’Ira. In realtà si scoprirà che quei profili erano stati disattivati prima dell’attacco a Mattarella, vittima invece dell’attenzione di 400 finti utenti sul medesimo social network che molto probabilmente hanno lavorato in modo autonomo e automatizzato. Anche se resta da capire chi abbia voluto promuovere questa campagna, sembra che almeno stavolta dietro gli schermi non ci sia nessun giovane impiegato.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.