TwitterFacebookGoogle+

Cos'è l'eutanasia e dove si pratica in Europa

L’eutanasia, letteralmente “buona morte” dal greco, consiste nel procurare intenzionalmente il decesso di qualcuno le cui condizioni di vita sono compromesse da malattia, menomazione o disagio psichico. 

Esistono: 

  • eutanasia attiva: l’impiego di farmaci letali da parte del medico per determinare o accelerare la morte
  • eutanasia passiva: la morte è provocata dall’interruzione o dall’omissione di un trattamento medico necessario alla sopravvivenza dell’individuo, come nutrizione artificiale e idratazione artificiale
  • suicidio assistito: si intende l’aiuto medico e amministrativo portato a un soggetto che ha deciso di morire tramite suicidio, ma senza l’intervento nella somministrazione delle sostanze
  • testamento biologico: documento con il quale si affidano al medico indicazioni anticipate di trattamento, nel caso in cui in futuro possa perdere la capacità di autodeterminazione a causa di una malattia acuta o degenerativa invalidante, o di un incidente eccezionalmente grave

Per approfondire:

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.