TwitterFacebookGoogle+

Cosa c'entra lady Abramovich con l'inchiesta Russiagate

In questa torrida estate, le cronache rosa registrano un’altra coppia d’oro che scoppia: Dasha Zhukova e Roman Abramovich, miliardario russo e patron del Chelsea, si sono lasciati dopo dieci anni di matrimonio e due figli. Se non bastasse il probabile divorzio da capogiro a far scatenare i media, c’è la notizia che la Zhukova sarebbe implicata nel Russiagate, l’inchiesta portata avanti dal procuratore speciale americano, Robert Mueller, sui possibili legami tra Mosca e il team di Donald Trump.

I legami con la famiglia Trump

Come riferisce Repubblica, i legami tra l’ormai ex signora Abramovich e il ‘clan’ che fa capo al presidente americano non sono pochi. In particolare una profonda amicizia unisce Dasha a Ivanka Trump, l’adorata figlia del magnate newyorkese, nonché ai due fratelli Kushner, Jared – marito di Ivanka – e Joshua, fratello minore di Jared e finanziatore di una delle avventure imprenditoriali dell’ex moglie di Abramovich.

La stessa Dasha ha partecipato al gala inaugurale della presidenza Trump dietro loro invito ed è stata vista al Flushing Meadows Park di New York per la finale del singolare maschile degli Us Open di tennis lo scorso settembre, insieme a Ivanka e Jared, presenti anche Wendi Deng, ex moglie di Rupert Murdoch, e Karlie Kloss, modella e fidanzata di Joshua Kushner.

Una newsletter la coinvolge nel Russiagate

A tirarla in mezzo al Russiagate è stata ‘The Bell’, la newsletter russa fondata di recente da Elizaveta Osetinskaja, ex direttrice del quotidiano economico Vedemosti e del gruppo editoriale Rbk, esponente di peso del giornalismo investigativo russo. La Osentiskaja si è da poco ‘ritirata’ presso l’università di Stanford, da dove ha lanciato la sua creatura per “fornire notizie indipendenti e di alta qualità sulla Russia”, come spiega lei stessa in un video su YouTube.

Citando “un altolocato funzionario russo”, The Bell riporta che sarebbe stata la Zhukova a organizzare gli incontri tra l’entourage di Trump e il governo russo, ai quali – si precisa – non avrebbe partecipato l’illustre consorte, noto per la vicinanza con il presidente russo Vladimir Putin. La notizia è stata smentita dalla Zhukova, ma l’intreccio che la lega a Ivanka Trump e ai Kushner è forte.

E’ lei ad aver organizzato gli incontri tra Trump e governo russo?

E proprio Jared Kushner è stato l’ultimo in ordine di tempo a finire al centro dell’”interesse” dell’Fbi e davanti alla Commissione Intelligence del Senato americano alla fine di luglio ha dovuto spiegare i suoi contatti con esponenti russi, da un’avvocatessa russa ed ex spia sovietica – vista insieme al figlio del presidente Donald Jr. e all’ex capo della campagna elettorale Paul Manafort – ai due incontri conl’ambasciatore russo negli Usa, Sergej Kislyak, fino al colloquio avuto con Sergey Gorkov, numero uno della banca russa Vnesheconombank, oggetto di sanzioni Usa in seguito l’annessione unilaterale della Crimea da parte della Russia. 

In quell’occasione, Jared aveva ripetuto di “non essere colluso con la Russia, non aver avuto contatti impropri e non essere al corrente di qualcuno che lo sia”  all’interno della squadra dell’amministrazione Trump.

Un intreccio di politica americana e affari russi

Ma oltre a Jared, ascoltatissimo consigliere alla Casa Bianca, c’è anche il fratello minore Joshua, molto legato a Dasha da amicizia e interessi economici. I due sono stati visti a marzo a cena insieme a New York, ed è stato lui, con la sua società di venture capital ‘Thrive Capital’, a investire nel 2010 1,5 milioni di dollari per salvare Artsy, piattaforma online per collezionisti d’arte fondata dalla Zhukova. Di nuovo, ha partecipato il mese scorso a un nuovo round di finanziamenti durante il quale la startup ha raccolto altri 50 milioni di dollari.  

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.