TwitterFacebookGoogle+

Cosa c'entrano i fratelli Occhionero con l'inchiesta P4

Roma – Politici intercettati e spiati, due fratelli che gestiscono una vera e propria agenzia di cyberspionaggio, si scopre l’esistenza dell’operazione EyePiramid. Ma non solo. Dall’ordinanzia di custodia cautelare per Giulio e Francesca Maria Occhionero spunta una pista che rimanda al passato. Gli investigatori che ci lavorano hanno individuato delle caselle postali alle quali dal 2010 venivano inviati i dati hackerati.

Sono purge626@gmail.com, tip848@gmail.com, dude626@gmail.com e octo42@gmail.com. Indirizzi mail già noti, alle forze dell’ordine e giudiziarie ma anche alla stampa. Erano infatti emersi nel luglio 2011 nell’ambito dell’inchiesta sulla P4 dei pm di Napoli, Francesco Curcio e Henry John Woodcock. Si presupponeva l’esistenza di una lobby che si serviva di notizie riservate, ottenute attraverso sistemi informatici ‘paralleli’, per condizionare gare e appalti, ottenere favori, verificare procedimenti penali in corso, eludere indagini e fabbricare dossier. 

Allora organi di stampa avevano svelato che gli stessi indirizzi mail erano stati utilizzati da Luigi Bisignani, finito sotto accusa insieme al parlamentare del Pdl Alfondo Papa, per scaricare dati telematici sottratti a computer di esponenti politici. Bisignani fu chiamato a rispondere di favoreggiamento e rivelazione di segreto d’ufficio e patteggiò una condanna a un anno e sette mesi di reclusione, confermata in Cassazione. Cadde invece l’accusa di associazione a delinquere, ipotesi rigettata dalla Suprema Corte di Cassazione così come dal Tribunale del Riesame di Napoli, secondo cui “non c’erano i presupposti per l’arresto perché non esistevano presupposti per contestare il reato dell’associazione a delinquere”. 

A proposito delle notizie riguardanti la nuova indagine di Roma sulla cyber-security, Luigi Bisignani precisa che “tali accuse non mi sono mai state mosse dai pm Curcio  e Woodcock. Non ho mai spiato spiato nessuno. Né l’onorevole Papa né le Fiamme Gialle come vedo invece riportato dai media né ho mai avuto acceso alle mail citate o conosciuto gli indagati”

Più di 5 anni dopo, elementi di quella vecchia inchiesta giudiziaria sono tornati alla luce. Il precedente è stato sottolineato dal gip Maria Paola Tomaselli nell’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Giulio e Maria Francesca Occhionero. Nel documento si ricorda che “tali indirizzi sarebbero stati riconducibili ad un’attività di esfiltrazione di dati e ‘dossieraggio’ illecito effettuata con modalità del tutto analoghe a quelle utilizzate dal malware” oggetto dell’indagine EyePiramid. All’epoca della inchiesta sulla P4, però, “non era stato possibile risalire al suo utilizzatore”. Tuttavia, aggiunge il gip, “erano già evidenti indizi gravi, precisi e concordanti che a utilizzare negli anni EyePiramid e i suoi aggiornamenti fosse stata sempre la stessa persona”. Questo perché “il codice era sempre stato lo stesso, con la logica conseguenza di poter ritenere che il malware fosse stato gestito nel tempo dalla stessa persona o dalla stessa organizzazione”. In conclusione, fa sapere il gip Tomaselli, “si deve ritenere che l’acquirente della licenza MailBe, utilizzata all’interno del codice malevolo, corrispondeva alla persona che in questi anni gestiva il malware e ne aggiornava nel tempo le diverse versioni”. 

Gli investigatori del Centro nazionale anticrimine informatico (Cnaipic), nell’ambito dell’operazione EyePiramid, sono risaliti all’identità dell’autore/autori dei reati contestati a partire dal dominio hostpenta.com, collegato ad altri domini, “tutti registrati utilizzando la medesima società statunitense (Network Solutions, Llc)” e “tutti riconducibili a vario titolo a Giulio Occhionero o a società a lui collegate ove collabora con la sorella Francesca Maria Occhionero”. Inoltre, prosegue l’ordinanza, ulteriori accertamenti attraverso l’Fbi hanno permesso di “appurare che la licenza relativa al componente utilizzato dal malware, dal maggio 2010 al dicembre 2015, risultava essere stata acquistata proprio da Giulio Occhionero”. 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.