TwitterFacebookGoogle+

Cosa è giusto e cosa è sbagliato nel comportamento dei Cinque Stelle alla Camera

Sanzioni per 42 deputati, di cui 36 sospesi per comportamenti “senza precedenti e di gravità assoluta” caratterizzati da “modalità aggressiva”. È durissima la “sentenza” – scrive sulla Stampa Marcello Sorgi –  per gli incidenti del 22 marzo, quando un drappello di deputati cinque Stelle provarono a sfondare la porta della stanza in cui gli stessi vertici di Montecitorio stavano discutendo sulla delibera che ha tagliato i vitalizi anche agli ex-parlamentari, e malmenarono quattro assistenti parlamentari, finiti nell’infermeria di Montecitorio.  

Leggi anche: Perché i 42 deputati M5S sono stati sospesi

E’ veramente un comportamento senza precedenti?

Le parole “senza precedenti” potrebbero in linea teorica essere contestate, dato che – racconta Sorgi – nella lunga storia parlamentare della Repubblica di incidenti, anche pesanti, ne sono accaduti, fin dall’inizio, quando ad esempio nel corso del dibattito sul Patto Atlantico nel 1949 il comunista Pajetta arrivò a rompere il proprio banco parlamentare per tirarne un pezzo verso il governo, o più avanti, nel 1985 al Senato, quando il senatore Carmeno venne sollevato in aria e lanciato, con il risultato di fratturargli un piede. Ma si trattava, appunto, di scontri nelle aule parlamentari, in momenti di forte tensione ideologica e politica.

Il 22 marzo invece un commando di una ventina di esponenti 5 stelle (19 sono stati sottoposti a 15 giorni di sospensione, il massimo della ‘pena’) hanno saliti le scale che portano all’ufficio di presidenza della Camera “con il chiaro intento di bloccare con metodi maneschi” una delibera che non condividevano. Tra quelli che li guidavano c’erano Alessandro Di Battista e Danilo Toninelli, rimasti anche loro coinvolti nel ferimento dei quattro commessi che non avevano alcuna facoltà di reagire, essendo tenuti al rispetto dei parlamentari e solo in caso estremo a sollevarli dai loro scranni quando la presidenza ne ordina l’espulsione dall’aula. Da questi metodi, che il deputato questore Dambruoso, tra quelli che hanno rischiato di prendersi qualche sventola, ha definito “fascisti”, nessuno del Movimento ha ritenuto di dissociarsi, da Beppe Grillo e Davide Casaleggio in giù.

Anzi il capogruppo cinque Stelle Roberto Fico ieri ha commentato le decisioni che riguardavano i suoi colleghi dicendo: “Ci sta bene tutto, quando si lotta per qualcosa in cui si crede. Non ci fermeremo”. Questo vuol dire che quanto è accaduto il 22 marzo – conclude Sorgi – potrebbe ripetersi, e le scazzottate rientrano a pieno titolo tra i metodi di lotta politica in Parlamento del Movimento che continua a essere in testa nei sondaggi, gode della simpatia di una parte del centrosinistra, e si propone, anche così, di governare il Paese se vincerà le prossime elezioni. 

Rispettare le ‘effervescenze collettive’ dei movimenti politici

Una spiegazione sull’origine del comportamento dei Cinque Stelle all’ufficio di presidenza della Camera la dà Natalino Irti in un commento sul Corriere della Sera.  “In periodi di inquietudine o malessere sociali, si determinano fenomeni di ‘effervescenza collettiva’ (come li denominava il francese Emile Durkheim), spontaneo ritrovarsi di individui, aggregarsi di gruppi, i quali, appunto perché allo ‘stato nascente’, si presentano fluidi, scomposti, irregolari. Nell’orizzonte storico, i movimenti, questi inattesi incontri di individui e gruppi, di stati d’animo e speranze, meritano – spiega ancora Irti – il rispetto e la riflessione, che sempre si debbono alle avanguardie esploratrici (da non confondere con le stanche e senili retroguardie). Il giudizio sbrigativo o sprezzante non serve a nulla: non a capire la logica di ciò che accade, non a cancellare la realtà, ma soltanto alla riposante pigrizia mentale”.

 

 

 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.