TwitterFacebookGoogle+

Cosa fare con le auto diesel? In Germania decideranno i comuni

Un tribunale tedesco ha stabilito che Stoccarda e Duesseldorf potranno imporre nei centri storici il divieto alla circolazione dei veicoli diesel più inquinanti. La sentenza era attesa con il fiato sospeso, perché schiude la possibilità che altre città tedesche, preoccupate dall’inquinamento dell’aria, possano applicare il divieto che potrebbe riguardare anche automobili vendute pochi anni fa, come i diesel Euro 5. Una sentenza, dunque, destinata ad avere ripercussioni in maniera drammatica sul valore delle auto diesel.

La Corte federale amministrativa di Lipsia ha dunque stabilito che le città di Stoccarda e Duesseldorf potranno proibire la circolazione dei veicoli diesel piùinquinanti, senza la necessità di una legge nazionale, proprio per garantire la pulizia dell’aria nei centri abitati. Sollecitati dall’organizzazione ambientale Deutsche Umwelthilfe (DUH), i giudici amministrativi avevano chiesto ai rispettivi governi regionali di cambiare i loro piani anti-inquinamento in modo che le due città non superassero i livelli massimi di NO2, biossido di azoto; e avevano ipotizzato che una misura valida potesse essere il divieto di circolazione per alcune automobili diesel. Ma i governi regionali del Baden-Wuerttemberg e del Nord Reno-Vestfalia avevano impugnato la sentenza. La Corte superiore ha stabilito operò che la misura è legale e che non è necessaria una regolamentazione a livello federale.

Gli ambientalisti festeggiano, il governo no

La notizia è stata accolta con tripudio dalle associazioni ambientaliste, che da tempo avevano denunciato come le città abbiano il dovere di proteggere la salute dei cittadini. Il governo invece ha cercato di correre ai ripari e soprattutto rassicurare i proprietari di auto: il ministro dell’ambiente ha detto che il divieto di circolazione in città alle auto diesel più inquinanti è “evitabile”.”Il giudice non ha emanato alcun divieto di circolazione, ma fatto chiarezza sulla legge. Il mio obiettivo è quello di evitare che tali divieti di circolazione entrino in vigore”, ha detto la socialdemocratica Barbara Hendricks, riassumendo l’ostilità delle autorità tedesche per la messa al bando delle vetture diesel più vecchie nei centri urbani. 

In realtà le autorità locali, secondo alcuni, possono ridurre i livelli di particelle fini e inquinanti con altri mezzi purché efficaci; decidere come farlo senza imporre divieti sarà probabilmente lo scoglio su cui si confronteranno, nei mesi e gli anni avvenire, le città, gli Stati e il governo federale, insieme alla Commissione Europea, le case automobilistiche, quelle degli automobilisti e gli ambientalisti. Se il Partito socialdemocratico rinnoverà la Grande Coalizione con i conservatori di Angela Merkel (i risultati del referendum tra la base dei militanti saranno resi noti domenica 4 marzo) il tema potrebbe essere argomento di tensione dal primo giorno del quarto mandato della ‘cancelliera’. 

I livelli di emissioni da diesel nell’aria della città sono un tema ‘sensibile’ in Germania, soprattutto da quando la più grande casa automobilistica del mondo, la Volkswagen​, ha ammesso nel 2015 la manipolazione di 11 milioni di veicoli in tutto il mondo per ingannare i test richiesti dalla legge.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.