TwitterFacebookGoogle+

Cosa resta di Rigopiano. Il racconto del cronista

Dietro l’hotel Rigopiano Gran Sasso Resort il bosco di faggi è tagliato con precisione da quella che sembra una pista di sci creata artificialmente. Non è così: è stata la valanga di mercoledì 18 gennaio che alle 17,30 da 1.600 di quota ha sradicato il bosco per poi abbattersi, a quota 1.200, sull’albergo, seminando la morte tra i 40 occupanti. Entrando tra le rovine dell’hotel, con ai piedi i ramponi da ghiaccio e al petto l’apparato per il ritrovamento travolti valanghe (Artva), lo spettacolo è sconcertante: per circa 400 metri a valle dell’edificio si vedono automobili conficcate in verticale nella neve, mentre l’area del resort è un tappeto di detriti misti a neve e ghiaccio.

#Rigopiano, 450 #vigilidelfuoco impiegati, 180 ore ininterrotte di lavoro: 9 vite salvate, 4 bambini pic.twitter.com/F4f6WEAWXQ

— Vigili del Fuoco (@emergenzavvf) 26 gennaio 2017

Camminando tra queste rovine nel freddo pungente si può avere l’idea di che cosa hanno dovuto affrontare i soccorritori che da oltre sette giorni lavorano 24 ore su 24 in condizioni proibitive. E fuori dalla retorica la definizione che viene spontanea, ovvero che sono degli ‘eroi del quotidiano’. Tra le macerie anche una nota di tenerezza: i cani dei vari gruppi cinofili, ormai liberi dall’impegno di cercare superstiti, saltano affettuosamente addosso ai loro ‘partner umani’.

Clicca sulla gallery per scorrere le immagini fullscreen con le didascalie

E’ veramente difficile poter descrivere ciò che si prova guardando in prima persona il teatro di un dramma di cui informiamo l’opinione pubblica da oltre una settimana. Dopo aver assistito a uno spettacolo del genere viene voglia di consigliare ai tanti commentatori che seminano giudizi di farsi un giro su questa montagna prima di distribuire ‘perle di saggezza’. Forse ne guadagnerebbero tutti, anche loro.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.