TwitterFacebookGoogle+

Cosa sappiamo finora del macabro ritrovamento in un cassonetto dei Parioli

Due gambe, sezionate all’altezza dell’inguine, all’interno di un cassonetto della spazzatura. E’ l’agghiacciante scoperta fatta intorno alle 20 di ieri sera, in viale Maresciallo Pilsudski a Roma di fronte al galoppatoio, da una giovane che rovistava all’interno del contenitore. Gli arti apparentemente sembrerebbero appartenere ad una donna. Sul posto sono intervenuti gli agenti della Polizia Scientifica per i rilievi di competenza. Sul caso indaga la Squadra mobile. Viale Pilsudski è la strada che unisce i quartieri Flaminio e Parioli e costeggia l’Auditorium e Villa Glori.

Il fatto avvenuto almeno un giorno prima

Secondo la ricostruzione della Mobile – scrive La Repubblica.it –  gli arti (legati da nastro adesivo per pacchi) sarebbero, però stati gettati la notte precedente, a giudicare almeno da un iniziale stato di decomposizione. Un elemento che potrebbe consentire di individuare l’autore del delitto che gli inquirenti avrebbero già capito essere un uomo.

Esiste un video dove si vede un uomo

Esiste un video, ripreso da una telecamera del palazzo, che ritrarrebbe un uomo aggirarsi intorno a quel cassonetto. Gli inquirenti stanno analizzando le immagini. “Secondo quanto si è appreso, il resto del corpo non c’era. Le gambe probabilmente sono state tagliate con un’accetta. Un uomo sarebbe stato visto allontanarsi dal cassonetto nella notte di lunedì. Forse parte della targa della sua auto è risultata leggibile da una prima analisi delle immagini. Un uomo sarebbe stato infatti ripreso da una telecamera di un esercizio commerciale”.

Interrogatorio in Questura

Secondo il Messaggero in queste ore sarebbe in corso in questura l’interrogatorio di uomo che potrebbe essere un sospettato o anche soltanto un testimone.

Due precedenti simili

Il Corriere della Sera ricorda i precedenti, altri casi simili avvenuti nella capitale. “Nell’agosto del 2015, fu trovata un’altra gamba tagliata di netto, sotto il ginocchio che affiorò dal fiume Aniene sempre a Roma. Sul polpaccio c’erano un paio di tatuaggi: ‘S.S. Lazio’ e ‘Oggi è un bel giorno per morire’. Tracce che portarono, dopo un paio di giorni, all’identificazione dell’arto. Dalle indagini, venne fuori una storia di regolamento di conti collegato al mondo dello spaccio e della droga nella malavita di San Basilio, in cui Gabriele Di Ponto, ultrà della Lazio con precedenti per rapina, ebbe la peggio. Non fu mai ritrovato il resto del corpo. Ma di macabro ritrovamento ce ne è stato anche un altro nell’aprile del 2011. Un camionista si fermò col suo mezzo mentre si trovava in zona Porta Medaglia all’Ardeatino incuriosito da un fagotto notato lungo la strada. Quando si rese conto di quello che aveva trovato, allertò le forze dell’ordine: il busto di una donna con le braccia ma senza gambe e testa. A nulla servì per identificarla, l’anello che portava e lo smalto rosso con dei dadi disegnati. Il giallo della donna mutilata è ancora senza soluzione e il suo assassino a piede libero”.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.