TwitterFacebookGoogle+

Cosa vuol dire “governo sovranista” e perché i moderati lo temono come il male peggiore

Agitato come spauracchio durante la campagna elettorale, il timore di un governo sovranista torna ad impensierire i palazzi della politica. Nel mirino i 5 stelle e la Lega. A far riemergere le preoccupazioni delle forze moderate sono gli abboccamenti di questi giorni tra pentastellati e camicie verdi e la ‘convergenzà che si registra tra alcuni punti programmatici illustrati da Luigi Di Maio e quelli di Matteo Salvini.

Ad esempio, lo sforamento del tetto del 3% e, più in generale, l’ostilità verso le regole imposte all’Italia dall’Ue. Di temere un asse sovranista non ne ha mai fatto mistero Silvio Berlusconi. Ma anche nel Pd non viene presa alla leggera l’ipotesi di un esecutivo targato 5 stelle e Lega. Ma cosa significa ‘sovranista’ e perché genera timori tra le forze moderate?

Secondo la Treccani l’aggettivo sovranista indica “chi, in politica, sostiene il sovranismo”. Ovvero, si tratta di un “neologismo utilizzato per indicare chi aderisce al sovranismo, dottrina politica che riconosce il potere sovrano di una nazione o di un popolo, non assoggettabile a nessun’altra autorità esterna”.

Sempre per la Treccani, il sovranismo è “la posizione politica che propugna la difesa o la riconquista della sovranità nazionale da parte di un popolo o di uno Stato, in antitesi alle dinamiche della globalizzazione e in contrapposizione alle politiche sovranazionali di concertazione”. Un esempio recente, secondo Bernard Henry Levy, è la vittoria della Brexit al referendum inglese. “Brexit è la vittoria non del popolo, ma del populismo – osserva il filosofo francese – è la vittoria, in altri termini, del sovranismo più stantio e del nazionalismo più stupido”.

 Il sovranismo, dal francese souverainisme, secondo la definizione che ne dà l’enciclopedia Larousse, è una dottrina politica che “sostiene la preservazione o la ri-acquisizione della sovranità nazionale da parte di un popolo o di uno Stato, in contrapposizione alle istanze e alle politiche delle organizzazioni internazionali e sovranazionali”. Il sovranismo, in particolare, “si oppone al trasferimento di poteri e competenze dallo Stato nazionale a un organo internazionale, processo visto come una minaccia all’identità nazionale o come attentato ai principi della democrazia e della sovranità popolare”.

In Italia sono due le formazioni politiche che si rifanno espressamente al sovranismo. Il fronte sovranista italiano, che così si definisce: “Siamo cittadini che avvertono l’esigenza di una riscoperta collettiva dei valori costituzionali. Ci poniamo come obiettivo la riconquista della sovranità nazionale in ogni sua forma, attraverso il ricollocamento della Costituzione al vertice dell’ordinamento. Siamo persone che cercano convergenze più che scontri”. Di recente costituzione il “Movimento nazionale per la sovranità”, lanciato da Gianni Alemanno, che ha sostenuto alle ultime elezioni politiche la Lega e la candidatura a premier di Matteo Salvini.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.