TwitterFacebookGoogle+

Cottarelli accetta l’incarico: Fiducia o al voto subito con questa legge elettorale

 “Ho accettato l’incarico di formare il governo che mi ha affidato il presidente della Repubblica, sono molto onorato come italiano e ce la metterò tutta”. Lo ha detto Carlo Cottarelli, premier incaricato, al termine del colloquio con il Capo dello Stato. Il premier incaricato ha inoltre detto che le ipotesi al momento sono due: se il Parlamento voterà la fiducia al suo governo si andrà alle elezioni a inizio 2019 dopo l’approvazione di una nuova legge elettorale, mentre in mancanza di fiducia si andrebbe al governo subito dopo agosto, con il Rosatellum. 

“Mi presenterò al Parlamento con un programma che, in caso di fiducia, includa l’approvazione della legge di bilancio per il 2019, dopodiché il Parlamento verrebbe sciolto con elezioni a inizio 2019. In assenza di fiducia il governo si dimetterebbe immediatamente e il suo principale compito sarebbe la gestione dell’ordinaria amministrazione e accompagnare il Paese a elezioni dopo il mese di agosto”, ha continuato Cottarelli.

 “Conto di presentare in tempi molto stretti la lista dei ministri al presidente della Repubblica”, ha aggiunto infine, precisando che in ogni caso né lui né i ministri eventualmente incaricati si candiderebbero alle prossime elezioni politiche. 

 

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.