TwitterFacebookGoogle+

Crisi: Confindustria, mondo a rischio stagnazione secolare

(AGI) – Roma, 4 set. – L’economia mondiale e’ a rischio di “stagnazione secolare” e occorre un mix di politiche per accelerare la crescita. Lo si legge in una nota del Centro Studi di Confindustria. “La crescita mondiale e’ molto piu’ lenta del passato e delle attese”, si legge nella nota, “le previsioni correnti per il Pil globale sono +3,2% nel 2015 e +3,6% nel 2016, molto distanti dal +5,1% medio annuo pre-crisi e potrebbero rivelarsi ottimistiche”. “Le cause sono: rallentamento demografico, minori investimenti, piu’ debole dinamica della produttivita’”, aggiunge il Csc, “occorrono politiche per rilanciare la domanda, favorire la spesa in ricerca e sviluppo, procedere con le riforme strutturali, puntando sul manifatturiero, motore dello sviluppo”. “Le prospettive della crescita mondiale sono insoddisfacenti”, sottolinea il Csc, “le previsioni di aumento del Pil globale sono state continuamente riviste al ribasso negli ultimi quattro anni: da un +4,8% medio annuo atteso nel 2011 per i cinque anni successivi a un +3,9% previsto nel 2015 (Fmi); per quest’anno nell’arco di 12 mesi le stime sono state abbassate dal 4,0% al 3,3%”. “Il rallentamento e’ generalizzato, ma maggiore nelle economie emergenti strutturalmente piu’ dinamiche: dall’inizio della crisi le prospettive di crescita sono diminuite di mezzo punto percentuale nei paesi avanzati (da +2,6% medio annuo nel 2008 a +2,1% nel 2015) e di quasi due punti in quelli emergenti (da +7,0% a +5,1%)”, prosegue la nota. Nelle stime Csc, l’aumento del Pil mondiale e’ deludente: nel 2015 +3,2% e nel 2016 +3,6%. Rispetto al +5,1% osservato nel periodo pre-crisi (media annua nel 2002-2007). “Aumentano, inoltre, i rischi al ribasso, derivanti da un rallentamento piu’ brusco della Cina e degli altri maggiori emergenti”, si legge ancora nel documento, “appare via via piu’ evidente che gli effetti della crisi economica sugli investimenti, del rallentamento demografico e del minore impatto stimato delle nuove tecnologie sulla produttivita’ sono molto persistenti”. “Cio’ abbassa il sentiero di crescita dell’output potenziale, verso cui il Pil tende nel lungo periodo, tanto che alcuni economisti parlano di ‘stagnazione secolare’. Tuttavia, soprattutto nei paesi avanzati, un esito effettivo e’ possibile, ma dipende molto dal mix di interventi pubblici che verranno adottati per rilanciare la crescita e innalzare il tasso di sviluppo potenziale dell’economia”, conclude il Csc, “e’ fondamentale sostenere la domanda, soprattutto di investimenti; stimolare l’attivita’ di ricerca e sviluppo; procedere con le riforme strutturali; adottare una vera politica industriale coerente con la riscoperta del ruolo centrale del manifatturiero”. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.