TwitterFacebookGoogle+

Cristian, Simona e le altre vittime dell'attacco

Roma – La Farnesina informa che i connazionali deceduti nell’attacco terroristico di questa notte a Dacca sono Adele PUGLISI, Marco TONDAT, Claudia Maria D’ANTONA, Nadia BENEDETTI, Vincenzo D’ALLESTRO, Maria RIVOLI , Cristian ROSSI, Claudio CAPPELLI e Simona MONTI.

Due delle vittime erano imprenditori residenti in Friuli: Cristian Rossi, 47 anni, di Feletto Umberto, era sposato e padre di due gemelline di appena 3 anni. Marco Tondat di Cordovado (Pordenone) lavorava nel settore tessile.

Gli italiani sedeveno tutti in una tavolata nel ristoranto preso di mira dal commando terroristica a Dacca. Uno dei connazionali, Gianni Boschetti, e’ riuscito a fuggire e mettersi in salvo. Sono invece ancora in corso gli accertamenti sul decismo italiano che, ha precisato il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, “per ora non risulta tra i cadaveri”.

“Ormai abbiamo perso anche l’ultima speranza: mia zia, Nadia Benedetti, e’ stata brutalmente uccisa nell’attentato in Bangladesh di ieri”. Lo scrive sul suo profilo Facebook, Giulia Benedetti, nipote di Nadia Benedetti, una delle vittime dell’attentato. “Non c’e’ piu’: non la rivedremo piu’ – aggiunge la donna – non parleremo, non commenteremo i colori delle magliette da produrre, mio padre non la andra’ piu’ a prendere all’aeroporto, non andremo a cantare insieme come ci eravamo ripromesse. “Non c’e’ piu'” ripete mio padre. Un branco di bestie ce l’ha portata via”.

La donna ricorda che la vittima “aveva vissuto in Italia, Kenya, Bangladesh e non si era mai fermata. Neanche nei momenti piu’ difficili. “Io chiedo a voi amici, parenti, viterbesi, italiani: NON DIMENTICATE, non lasciate che si perda il suo ricordo, non dimenticate cosa e’ successo, non permettete a questi pazzi di commettere altre stragi, non lasciate che vincano loro. Colgo l’occasione per esprimere la nostra vicinanza ai famigliari di tutte le vittime, e ai sopravvissuti alla tragedia. Ci mancherai zia, ci mancherete tutti”, conclude il post. (AGI)

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.