TwitterFacebookGoogle+

Critica Maometto sul web, giovane condannato a morte in Mauritania

«Ha parlato con leggerezza del Profeta»: sentenza capitale per apostasia nel nord del Paese. In tribunale la folla esulta. L’ultima esecuzione risale al 1987.
ANSA –

Mohamed Cheij uld Mjaitir –

Un tribunale di Nuadibyu, nel nord-ovest della Mauritania, ha condannato a morte un giovane che aveva pubblicato lo scorso gennaio un articolo in cui criticava il profeta Maometto. La corte, un tribunale di prima istanza, ha deciso dopo più di sette ore di dibattito; e la sentenza è stata accolta con rumorose grida di gioia dal pubblico che partecipava all’udienza e anche con schiamazzi e raduni festanti nella città. Il pubblico ministero aveva chiesto la condanna a morte per fucilazione. Il giovane è svenuto alla lettura della sentenza; poi è stato rianimato e condotto in prigione. Non è ancora chiaro se sia possibile il ricorso.

Il codice penale mauritano prevede la pena di morte per «tutti i musulmani che si fanno gioco di Allah, dei suoi angeli, dei suoi libri o dei suoi profeti». In apertura del processo il giudice aveva sostenuto che l’accusato aveva parlato «con leggerezza del profeta Maometto».

Mohamed Cheij uld Mjaitir, che ha sempre sostenuto la sua innocenza e negato di aver voluto insultare il profeta, appartiene ai “lemaalmine” (fabbri), un gruppo tradizionalmente stigmatizzato nella società mauritana e considerato inferiore. Nell’articolo, apparso brevemente sul web, il giovane aveva scritto che «l’ingiustizia praticata oggi giorno contro il nostro gruppo era stata esercitata anche contro lo stesso profeta Maometto nella sua vita»; e aveva accusato la società mauritana di perpetuare «l’eredità di un iniquo ordine sociale», spiegando di «non voler compromettere il profeta ma difendere uno strato della popolazione mal considerato e maltrattato».

Nonostante sia prevista nel codice penale mauritano e emanata dal tribunali, l’ultima esecuzione in Mauritania risale al 1987.

http://www.lastampa.it/2014/12/25/esteri/critica-maometto-sul-web-giovane-condannato-a-morte-in-mauritania-U5ZTTfxzQoVHuo6lbQx5YP/pagina.html

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.