TwitterFacebookGoogle+

Crollo del cavalcavia, si indaga sulle responsabilità

Roma –  Il giorno dopo il crollo del ponte sulla Superstrada Milano-Lecco all’altezza di Annone Brianza, che ha provocato un morto e 4 feriti, si cerca di riportare la situazione alla normalità e si indaga su eventuali responsabilità. 

GUARDA LE FOTO

E’ stata avviata un’inchiesta dalla Procura di Lecco che svolgerà ora tutti gli accertamenti del caso. L’allarme era stato lanciato almeno 3 ore prima del disastro ma a causa, pare, di problemi burocratici, su chi e quando dovesse intervenire (l’Anas o la Provincia di Lecco), il cavalcavia è rimasto aperto crollando poi sotto il peso del grosso Tir che è finito sulle auto sottostanti. Il cavalcavia era stato costruito tra gli anni ’60 e ’70 dalla Provincia ma questa dice di avere competenza solo sull’asfalto mentre della struttura sarebbe responsabile l’Anas. Diversa l’interpretazione di quest’ultima che sostiene di aver contattato gli addetti alla mobilità della Provincia sollecitandoli “ripetutamente” per l’immediata chiusura della strada provinciale nel tratto del cavalcavia.

 

 

La Provincia avrebbe chiesto un’ordinanza formale da parte dell’Anas e si sarebbe trovato l’accordo ma il crollo si sarebbe verificato proprio mentre il furgoncino che avrebbe dovuto portare le attrezzature per bloccare il passaggio stava arrivando sul posto. In attesa dunque che la Procura, ma anche il ministero dei trasporti, come annunciato dallo stesso ministro Graziono Delrio, ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, svolgano le proprie indagini, proseguono i lavori per riaprire il collegamento, molto frequentato dai milanesi in viaggio verso i laghi o le montagne del lecchese e dai pendolari che arrivano a Milano per lavoro nella settimana. 

I tecnici dell’Anas insieme alla Polizia Stradale e ai Vigili del Fuoco, stanno tagliando le travi della campata della provinciale caduta sulla Superstrada per liberare le corsie.
Nella notte è stato intanto recuperato il corpo della vittima rimasta schiacciata nella propria vettura. Si tratta di un uomo di 68 anni di Civate, paese non lontano dal luogo dell’incidente. Ancora ricoverati in ospedale invece il conducente del Tir che ha riportato traumi al torace e le altre tre persone, tra le quali una bambina, rimaste ferite e portate in codice giallo in ospedale. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.