TwitterFacebookGoogle+

Cronaca da una citta' sotto assedio

Bruxelles – “La corsa finisce qui. Siete pregati di scendere”. Il conducente dell’autobus termina la corsa a meta’ strada. Fa scendere tutti, e rientra al deposito. Tutti i mezzi di superficie, tram e bus, sono stati fatti rientrare dopo gli attacchi all’aeroporto internazionale di Zaventem e, soprattutto, dopo l’esplosione alla stazione della metropolitana di Maelbeek, a poca distanza dalle istituzioni comunitarie.

I mezzi pubblici di superficie che funzionano non portano oltre la place Royale, dietro il palazzo che la famiglia reale belga utilizza per gli avvenimenti istituzionali. Dopo si va a piedi, in una citta’  chiusa al traffico, presidiata da poliziotti e piena di nastro divisorio messo dalle forze dell’ordine per delimitare le aree colpite o a rischio. Al 16 di rue de la Loi militari presidiano la sede del governo federale. La stessa strada, una delle principali arterie della citta’, che porta al quartiere europeo, è chiusa al traffico e recintata. Agenti sono impegnati a deviare il traffico, mentre un’ambulanza si ferma all’ingresso della stazione della metropolitana di Arts-Loi, punto di snodo delle diverse linee. Una persona riceve soccorsi. La polizia allontana immediatamente tutti, anche i giornalisti. “Niente filmati, niente fotografie. Sono costretto a chiedervi di cancellare tutto”.

L’ordine dei poliziotti evidentemente è di evitare in ogni modo di diffondere il panico e immagini che possano produrne. L’uomo è adagiato a terra, circondato da personale della Stib, la societa’  che gestisce i trasporti pubblici. Sopra di lui un “guardien de la paix”, una sorta di ausiliario, mostra la sua qualifica che sembra in contrasto stridente con quanto accade. Il perimetro attorno alla fermata di Maelbeek è interdetto. Per raggiungere le istituzioni comunitarie bisogna passare per le vie laterali. Si controllano i badge. Per ragioni di sicurezza non entrano neanche i funzionari arrivati dopo la chiusura dell’area.

Nelle sedi della Commissione europea e del Consiglio europeo non si entra. Elicotteri sorvolano incessantemente l’area, fondendosi alle scie delle sirene che si susseguono. Dalla fermata delle metro di Schuman, il cui ingresso si apre in prossimita’ dell’entrata delle due istituzioni comunitarie, si sente l’altoparlante annunciare che le stazioni verranno evacuate.

“La stazione della metro chiudera’ a breve per ragioni di sicurezza. Si prega di uscire il prima possibile”. L’annuncio è diffuso in tre lingue, fiammingo, francese e inglese. Fuori un uomo riceve cure. è un dipendente della Stib. Le linee telefoniche sono intasate. Probabilmente sono le telefonate fatte e ricevute per informare sullo stato della situazione. Si comunica prevalentemente via sms o chat di whatsapp. è un altro indice della gravita’ della situazione. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.