TwitterFacebookGoogle+

Cuba, il sarcasmo di Castro "complotti Usa mi facevano ridere"

L’Avana – “I piani machiavellici degli Stati Uniti mi facevano quasi ridere”. Fidel Castro parla dei propri 90 anni e non risparmia il consueto sarcasmo verso il vicino di casa ricordandogli i 634 complotti che, secondo l’intelligence cubana, tra il 1958 e 2000 hanno mancato l’obiettivo di eliminarlo. Poi il Lider maximo tralascia il proprio compleanno per approfondire la critica verso Barack Obama, che tra qualche mese lascerà la Casa Bianca: “Il suo discorso in occasione della visita del Giappone ha mancato un’occasione non è stato di alto profilo quando non ha trovato le parole per scusarsi dell’assassinio di migliaia di persone a Hiroshima”, scrive l’ex dittatore nell’articolo “En cumpleanos” pubblicato sui media di Stato dimenticando di aver egli stesso concesso quindici anni dopo a Nikita Krushev di piazzare sull’isola le testate nucleari che diedero vita alla ‘crisi dei missili’ nel all’inizio degli anni Sessanta. Castro lancia un appello per la pace: “Nessuna potenza puo’ prendersi il diritto di ammazzare milioni di persone”, afferma, mentre per la fine dell’articolo indica nell’aumento demografico “il principale rischio della storia dell’umanita’”.(AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.