TwitterFacebookGoogle+

Cuba: Usa, "preoccupati" per arresti di diversi dissidenti

(AGI) – Washington, 31 dic. – Gli Stati Uniti hanno espresso “profonda preoccupazione” per l’arresto di diversi dissidenti a Cuba, avvenuti due settimane dopo lo storico inizio del disgelo diplomatico tra i due paesi. “Condanniamo con forza il governo cubano”, ha affermato il Dipartimento di Stato americano, “il ripetuto utilizzo della detenzione arbitraria, dell’intimidazione dei cittadini e la censura elle posizioni critiche”. Stavolta le manette sono toccate a Reinaldo Escobar, marito della blogger dissidente Yoani Sanchez, e a un altro oppositore del regime. Escobar e’ un giornalista di primo piano del sito web 14ymedio.com ed Avila e’ il leader del gruppo d’opposizione “Somos Mas”. Sanchez, che ha dato notizia tramite il suo profilo twitter, non ha fornito altri elementi ed i reporter che hanno provato a contattarla non hanno ricevuto – finora – risposta. Un altro dissidente, Elizardo Sanchez, sostiene che Yoani sarebbe agli arresti domiciliari: “Non le stanno consentito di lasciare la sua casa”, ha detto l’uomo. Gli arresti sono avvenuti poche ore prima che l’artista Tania Bruguera iniziasse una manifestazione sulla piazza della Rivoluzione a l’Avana, cui le autorita’ hanno negato il permesso. Il 17 dicembre il presidente Barack Obama e Raul Castro avevano annunciato il progressivo ristabilimento di relazioni diplomatiche, interrotte dal 1959. (AGI) .
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.