TwitterFacebookGoogle+

Da Bastianich alla Casa Bianca, Batali chef della cena Renzi-Obama

Roma – Mario Batali, lo chef che questa sera cucinerà per Matteo Renzi alla Casa Bianca, è famoso per due cose: gli immancabili sandali di gomma Crocs arancioni e la collaborazione con una star dello show-food come Joe Bastianich. Per l’ultima cena dei suoi mandati – un appuntamento per il quale ha scelto come ospite il premier italiano – Barack Obama si è fidato del consiglio della moglie Michelle.

 

Comproprietario dal 1998 insieme a Joe Bastianich di “Babbo“, uno dei ristoranti italiani più rinomati di New York, e un albero genealogico che affonda le radici nel Bel Paese, Batali ha tutte le carte in regola per servire ai 500 ospiti di questa sera una cena in grado di “coniugare piatti della tradizione italiana con la cucina americana”. Ma lo chef non è del tutto tranquillo. Più che deliziare il palato del suo presidente e della first lady, Michelle, lo spaventano Matteo Renzi e Agnese Landini: “Non sono mai preoccupato di servire pasta a un americano, ma con gli italiani è diverso”. Alla cucina più ambita d’America è arrivato grazie alla stessa first lady che il mese scorso lo aveva ‘scoperto’ grazie a una fuga da ‘Babbo‘ nel Greenwich Village mentre i leader mondiali erano riuniti al Palazzo di Vetro.

Lo chef che ha ‘sedotto’ Michelle Obama è nato nel 1960 a Seattle. ‘Molto Mario’ come lo chiamano esaltando le sue radici italoamericane, si laurea in lingua spagnola, teatro ed economica all’Università di Rutgers nel 1983. Ma presto capisce che la sua strada è un’altra e passa per la cucina. Vola a Londra dove si fa le ossa a ‘Le Cordon Bleu‘, ma sono i successivi tre anni a Borgo Capanne, in provincia di Bologna, a fare di Batali lo chef che è oggi. Torna negli Stati Uniti e si trasferisce a New York dove si afferma come uno dei personaggi più talentuosi della scena culinaria. Nel 1993 apre il ristorante “Po” e nel 1998 il “Babbo Ristorante e Enoteca” insieme a Bastianich. Oggi è comproprietario di diversi ristoranti a New York, Las Vegas, Los Angeles e Singapore, scrive libri di cucina e partecipa a talent show culinari. Dal 2010 è uno dei sostenitori della campagna di Michelle ObamaLet’s Move” per promuovere una sana alimentazione e combattere l’obesità.

Ma quella di stasera, c’è da scommetterci, è la sfida più importante della sua carriera, che proverà a vincere con un menù a base di agnolotti di patate dolci con burro e salvia, insalata di zucca, braciole di manzo con colatura di rafano e friarielli, dolci mignon con decorazioni autunnali, crostata di mele verdi e gelato. A sceglierlo è stata Michelle, e alcuni degli ingredienti provengono direttamente dal suo orto della Casa Bianca. “Ogni piatto tipicamente italiano conterrà una deliziosa sorpresa” ha spiegato lo chef che ha assicurato alla stampa americana: “cucinerò con le mie Crocs!”. (AGI) 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.