TwitterFacebookGoogle+

Da Elena a Valentina, le vite spezzate in Catalogna

Roma – “Mi dispiace mi sono addormentato”. Cosi’ l’autista dell’autobus che ieri ha causato l’incidente in cui sono morte 13 studentesse tra cui sette italiane, ha ammesso la sua responsabilita’. Lo riferisce il quotidiano La Razon. L’uomo, risultato negativo ai test alcolemici e per le droghe, è stato incriminato per omicidio colposo plurimo. L’incidente si è verificato domenica mattina alle 6 del mattino.

Lo schianto del bus è avvenuto sull’autostrada che collega Valencia a Barcellona. È stato il ministro dell’interno catalano Jordi Jane a fornire le nazionalità di tutte le ragazze morte. Oltre alle sette italiane ci sono anche due tedesche, una romena, una uzbeka, una francese e una austriaca. Nell’incidente sono rimaste ferite 34 persone tra cui cinque italiani.  

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.