TwitterFacebookGoogle+

Da Hollande a Putin, leader uniti "siamo in guerra"

(AGI) – Parigi, 22 mar. – Dalla Francia alla Russia, i leader internazionali si stringono attorno al Belgio colpito al cuore dal terrorismo.  “Attraverso gli attentati di Bruxelles, e’ tutta l’Europa che e’ stata colpita”, ha dichiarato il presidente francese, Francois Hollande. “Siamo in guerra”, gli ha fatto eco il premier francese, Manuel Valls, che stamane ha tenuto un gabinetto di crisi su quanto accaduto a Bruxelles. Alla riunione hanno partecipato anche i ministri dell’Interno, Bernarde Cazeneuve, e quello della Difesa, Jean-Yves Le Drian.

“Con il cuore e con la mente a Bruxelles, Europa”, e’ stato il primo commento a caldo di Matteo Renzi, su Twitter. “Gli ultimi, gravissimi attentati di Bruxelles confermano tragicamente che l’obiettivo del terrorismo fondamentalista e’ la cultura di liberta’ e democrazia. Esprimo il mio cordoglio per le vittime e la piu’ decisa condanna per gli esecrabili atti di violenza. Va ribadita la ferma convinzione che la risposta alla minaccia terroristica deve trovare saldamente uniti i Paesi dell’Unione Europea”, ha dichiarato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, ha chiamato il collega belga Didier Reynders per esprimergli la vicinanza e l’affettuosa solidarieta’ del governo e del popolo italiano.

“Un giorno molto triste per l’Europa”. Da Amman, il capo della diplomazia europea, Federica Mogherini, ha commentato cosi’ i tragici fatti di Bruxelles. Apparsa molto provata, in lacrime, Mogherini al termine della conferenza stampa e’ stata abbracciata dal collega giordano. Anche il presidente del Consiglio Ue, Donald Tusk, si e’ definito “sgomento”, sottolineando che “questi attacchi segnano un nuovo punto in basso, da parte dei terroristi, al servizio dell’odio e della violenza”. 

Il presidente russo Vladimir Putin, ha definito “barbarica” la serie di attentati che ha sconvolta Bruxelles e ha condannato l’accaduto. “La lotta contro questo male esige la piu’ stretta cooperazione internazionale”. “Questi attentati non hanno alcuna giustificazione e dimostrano ancora una volta che terrorismo non conosce frontiere e minaccia popoli di tutto il mondo”. (AGI) .

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.