TwitterFacebookGoogle+

Da papa Bergoglio a papa Leone XIII

Di Attilio Tempestini –

Recentemente papa Bergoglio ha avuto, su aborto e coppie omosessuali, parole assai nette. Si dovrà forse considerare una stranezza il fatto che, in tale pontefice, esse si affianchino a determinate posizioni in campo economico-sociale? Direi di no. Sia perché, generalmente parlando, una convergenza tra attenzione per i diritti civili ed attenzione per quelli che possiamo chiamare diritti sociali può essere tendenziale, ma non scontata.

Sia perché, parlando in particolare della Chiesa cattolica, non si tratta di una novità se proviamo a fare un balzo indietro di più di un secolo. Si sa che al pontificato di Pio IX, contrassegnato da un Sillabo il quale da un lato definiva socialismo e comunismo, “cotali pestilenze”, dall’altro bollava come errore la tesi per cui il papa “può e deve riconciliarsi… col liberalismo”, seguì Leone XIII. Ne derivava, in materia economico-sociale, una significativa differenza: l’enciclica Rerum novarum sosteneva quanto meno, che i diritti dei lavoratori erano da tutelare.

Sui diritti civili, però, è addirittura alla Chiesa con cui Giordano Bruno finì al rogo, che Leone XIII restò allineato: come ci ha ricordato il periodico torinese L’incontro riportando, nello scorso marzo, brani dell’ “allocuzione” tenuta dal papa nel (convocato ad hoc) concistoro, dopo l’inaugurazione a Roma del monumento a Bruno -il “monumento maledetto”, lo definisce nel sottotitolo il libro che alcuni anni fa Massimo Bucciantini ha a tale monumento, peraltro apprezzandolo, dedicato-. Ecco infatti il papa affermare, su Bruno, che “la sua caparbietà contro la Chiesa si è trascinata fino alla morte” (avvenuta per cause naturali, penserebbe chi leggesse tale testo senza conoscere la vicenda). Definirlo, “intollerante con chi non fosse delle sue idee”. Aggiungere, che “in occasione di tale inaugurazione si inneggia con forza a quella libertà di pensiero che è la prolifica madre delle perverse opinioni”.

Non proseguo nelle citazioni, da questa allocuzione; dopo la prima delle quali, d’altronde, ho ritenuto superflui i commenti.

Dobbiamo arrivare al 2000 perché, a tali parole pontificie che nel loro complesso si potrebbero semplicemente definire crudeli, seguisse qualche novità con papa Wojtyla. Il quale, dopo aver nel 1992 riconosciuto gli errori della Chiesa per la vicenda di Galilei, veniva sulla vicenda di Bruno ad esprimere “profondo rammarico”.

Indubbiamente apprezzabili dunque, queste novità di Wojtila nel campo dei diritti civili. Esse, pur non stando ad indicare una generale caratteristica del suo pontificato, significano almeno un certo rispetto per quella “libertà di pensiero”, dal suo predecessore ritenuta “prolifica madre delle perverse opinioni”. Lo stesso papa, però, non ricordo che abbia con ugual risalto preso sui diritti sociali, posizioni alla Bergoglio.

Insomma, il Leitmotiv di queste mie righe secondo il quale non vi è da stupirsi se posizioni aperte sui diritti civili e posizioni aperte sui diritti sociali non convivono, ha degli argomenti da far valere. Più precisamente, la sommaria rassegna cui ho proceduto presenta il caso nel quale si inserisce Bergoglio, come quello più frequente. Vi si inseriva in effetti, lo stesso Giovanni XXIII: vedeva la Chiesa come “particolarmente la Chiesa dei poveri”, ma su Galilei e Bruno non ha visto motivo di intervenire.

http://www.italialaica.it/news/editoriali/58719

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.