TwitterFacebookGoogle+

Dacca, italiani mutilati e uccisi senza colpo grazia

Roma – Non e’ stata una morte rapida quella dei nove italiani massacrati in un ristorante di Dacca, in Bangladesh, da un commando di fanatici islamici. L’autopsia, eseguita oggi al Policlinico Gemelli, ha stabilito che i terroristi, armati di machete, armi da sparo ed esplosivo, hanno infierito sugli ostaggi, mutilandoli in piu’ parti del corpo e senza dare loro il colpo di grazia.

L’Isis minaccia nuovi attentati “morte ai crociati”

Su alcune salme, i medici legali hanno rinvenuto anche segni di proiettile e tracce di esplosivo. Completati gli accertamenti autoptici, svolti dai medici legali Vincenzo Pascali e Antonio Oliva, il pm Francesco Scavo ha firmato il nulla osta per restituire le salme alle famiglie. (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.