TwitterFacebookGoogle+

Dai Clinton al giornalista disabile, tutte le offese di Trump

Roma – Dall’annuncio della sua candidatura alla Casa Bianca dello scorso giugno, Donald Trump ha insultato via Twitter almeno 281 tra persone, organizzazioni e istituzioni. Una lunga lista accuratamente stilata dal New York Times e pubblicata sul blog The Upshot. Nel mirino, nemmeno a dirlo, la rivale Hillary Clinton etichettata sopratutto come “crooked” (disonesta, corrotta), il presidente Obama, “il peggiore della storia” e le donne. Ma Trump non ha risparmiato nemmeno i disabili, come il giornalista del New York Times con seri problemi articolari vittima di una gag di Trump durante un comizio in South Carolina. 

Ma nell’elenco, completo di link ai tweet originali, figurano anche celebrità, i messicani, città e Paesi, senatori, sindaci (compreso il primo cittadino di New York Bill de Blasio), governatori, giornalisti.

L’appello di Obama a Hillary: stravinca per zittire Trump

Nel mirino del candidato del Grand old party, come è conosciuto il partito repubblicano, anche la famiglia Bush (che conta ben due ex presidenti dello stesso partito) e gli ex candidati alla Casa Bianca John McCain e Mitt Romney. Trump non risparmia il cancelliere tedesco Angela Merkel, che sta “rovinando la Germania”, il cantante Neil Young, “un ipocrita totale”. Tra i Paesi, oltre al Messico, ci sono la Cina, l’Iran, l’Arabia Saudita, anche la Gran Bretagna, che “si sforza di nascondere il suo enorme problema con i musulmani“. Molto nutrita la lista dei media e degli show televisivi. Attacchi anche ai grandi magazzini, alla lega di baseball, a un leggio dello studio Ovale – “sembra vecchio” – e ai microfoni del primo dibattito tv: “fanno schifo”. . 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.