TwitterFacebookGoogle+

Dal 23 settembre il Trevignano FilmFestival

Roma – Dedicato a “Ombre nere, il cinema e le libertà negate” il festival presenta al Cinema Palma dal 23 al 26 settembre 13 film e documentari su diritto al lavoro, condizione della donna, libertà democratiche, diritto all’amore. Si comincia venerdì 23 con l’anteprima “I bambini della miniera”, documentario di Tommaso Santi sulla tragedia dimenticata di Ribolla, in Toscana nel 1954 in cui rimasero uccisi 43 minatori. A seguire nella piazzetta davanti al cinema, una pasta all’amatriciana per tutti con un’urna per le offerte per i terremotati, accompagnata dal jazz della band di giornalisti “The Scoop”. Quindi proiezione del documentario russo “Under the Sun”, di Vitaly Mansky, sulla Corea del Nord. 

Sabato “Nel nome della madre” documentario di Francesca Romana Freeman e Pio d’Emilia sulla Comunità Moso in Cina dove le donne dominano felicemente gli uomini, “La legge del mercato” di Stéphane Brizé, “I ragazzi stanno bene” di Lisa Cholodenko e alle 21, “I Daniel Blake”, il capolavoro di Ken Loach che ha vinto a Cannes e che il festival presenta con un mese di anticipo sulla uscita italiana, preceduto da un’intervista degli organizzatori al grande regista britannico. 

Domenica due film con al centro la donna, l’iraniano “Nahid” di Ida Panahandeh, e l’etiope “Difret” di Zeresenay Mehari, prodotto da Angiolina Jolie, quindi l’italiano “Un posto sicuro” di Francesco Ghiaccio, che verrà a ritirare il trofeo assieme all’attore e co-sceneggiatore Marco D’Amore, di Gomorra, e che racconta l’amara vicenda dell’Eternit  e dell’amianto. Quindi “L’ultima parola”di Jay Roach, su Dalton Trumbo, lo sceneggiatore americano vittima della caccia alle streghe in quanto iscritto al Partito comunista.

Lunedì mattina il tradizionale appuntamento con le scuole medie di Trevignano: verrà proiettato “La bicicletta verde” della regista saudita Haifaa Al-Mansour, su una ragazzina che fa di tutto per ottenere una bicicletta uguale a quella del suo amico maschio. Film che verrà riproposto nel pomeriggio agli spettatori, assieme a “Mustang” di Deniz Gamze Ergüven  e “The Sessions” di Ben Levin.

Le proiezioni verranno commentate da numerosi ospiti, da Paola Concia, già deputata del Pd, attivista per i diritti LGBT, al sociologo Enrico Pugliese, docente emerito alla Sapienza, da Leila Karami, giovane studiosa dell’Islam, a Ribka Sibhatu, poetessa eritrea, a Vincenzo Gentile, primario di Andrologia al Policlinico di Roma, ai giornalisti Massimo Righi, direttore del Secolo XIX e Marco Corrias.

Tutti e tredici i film saranno fruibili con un’unica FilmFest Card, del costo di 10 euro, che darà diritto d’ingresso anche alla mostra ospitata dal locale museo comunale. Il Trevignano FilmFest è una rassegna a tema che negli anni ha conquistato un successo sempre maggiore, di pubblico e di critica. A organizzarlo è un gruppo di giornalisti. Presidente è Corrado Giustiniani, direttore artistico Fabio Ferzetti, e poi Luciana Capretti, Enrico Cattaneo, Michele Concina, Fausta Savone e Stefano Trincia. Nel 2012, primo anno, il tema è stato “Il cinema racconta la scuola”, poi la crisi economica, nel 2014 le migrazioni, nel 2015 “Visioni divine, il cinema e le religioni”, e quest’anno le libertà e i diritti negati.  (AGI)

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.