TwitterFacebookGoogle+

Dal 31 ottobre nelle scuole italiane si insegnerà come difendersi dalle bufale in rete

Un “esperimento straordinario” che coinvolge i principali social, tra cui Facebook, con l’obiettivo di “educare una generazione di studenti a riconoscere le fake news e le teorie cospirative” che circolano sul web. Così il New York Times presenta al suo pubblico l’idea di portare nelle scuole italiane, dal 31 ottobre, quelli che chiama “I dieci comandamenti dell’era digitale”. Un progetto, sottolinea, su cui in prima linea si è impegnata Laura Boldrini, Presidente della Camera.

“Importate che i ragazzi imparino a difendersi dalle bugie”

“Le fake news instillano gocce di veleno nella nostra quotidiana dose di web”, spiega al giornale Boldrini, “e noi finiamo per esserne infettati senza nemmeno accorgercene”. Invece “è semplicemente una cosa giusta dare ai ragazzi la possibilità di difendersi dalle bugie”. “Il Paese si prepara a tenere, all’inizio del prossimo anno, le elezioni politiche, ed è divenuto terreno fertile per gli inganni di carattere digitale”, scrive il New York Times, e Boldrini “afferma che il governo ha il dovere di insegnare alle giovani generazioni di elettori italiani come difendersi contro le falsità che giocano sulle loro paure”.

Lo scetticismo di Boldrini sull’impegno di Facebook e Google

Nel progetto sarà coinvolta anche Google, ma non si tratterà di una facile impresa. Infatti “Boldrini esprime scetticismo in particolare sull’impegno di Facebook nel metter un freno alle fake news e nell’odio sul web, e riconosce la possibilità che il progetto scolastico sia una vera e propria manna per l’immagine del gigante del settore, cosa di cui esso ha molto bisogno”. Nonostante questo rischio “Facebook sta dando il suo contributo promuovendo l’iniziativa attraverso pubblicità mirate verso gli studenti delle scuole superiori ed i loro coetanei, e Boldrini dice di sperare che l’iniziativa, che ha lo scopo di dimostrare ai liceali come i loro like siano monetizzati e usati a scopi politici, possa divenire un programma pilota di Facebook per tutta Europa”.

Gli studenti dovranno diventare ‘cacciatori di fake news’

Il risultato che si cerca di ottenere è quello di trasformare gli studenti in “cacciatori di fake news”, iniziando a mostrare loro “come creare i loro blog personali e usare i loro account per mettere in evidenza false storie e raccontare come loro sono stati in grado di metterle a nudo”. Conclusione del New York Times: “In Italia i ragazzi hanno molto, molto spazio su cui agire”.

Articolo originale Agi Agenzia Italia

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.