TwitterFacebookGoogle+

D'Alema sferza Pd "leadership faziosa, ci snatura"

Roma – “Il Pd e’ finito in mano a un gruppetto di persone arroganti e autoreferenziali”. Massimo D’Alema lancia un attacco frontale al Nazareno, inteso sia come sede del partito sia come emblema dell’intesa con Berlusconi prima e Verdini poi, evoca lo spettro di una futura nuova scissione nelle file Dem. In un’intervista al Corriere della Sera che segna la giornata, l’ex presidente del Consiglio si richiama a quegli elettori che “ora vedono un gruppo di persone che ha preso il controllo del Paese, alleandosi con la vecchia classe politica della destra” e dice che “non so quanto resteranno in stato di abbandono”. “Nessuno puo’ escludere che, alla fine, qualcuno riesca a trasformare questo malessere in un nuovo partito”, e’ l’avvertimento che arriva da D’Alema.

In successive dichiarazioni a un seminario SI, l’ex premier è andato all’attacco anche sulla gestione delle primarie a Roma e Napoli: “I comportamenti del gruppo dirigente di questi giorni sono improntati a uno spirito fazioso. A Roma c’è bisogno di una personalità più forte e autorevole di Giachetti, a Napoli non abbiamo molte possibilità di vincere”. Per D’Alema lo sforzo degli attuali vertici del Pd è “quello di dare la colpa” a qualcuno in vista delle amministrative, piuttosto che “cercare di vincerle”. Si chiederà a Renzi un passo indietro in caso di sconfitta alle elezioni? “Renzi – risponde D’Alema – non è una persona che si scolla facilmente dalla poltrona di capo del governo, inutile avanzare questo tipo di richieste”.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.