TwitterFacebookGoogle+

Day hospital con la Ru 486, la svolta della Regione Lazio

Articolo di Maria Mantello (MicroMega online)

“”Dalla Regione Lazio arriva un provvedimento di civiltà e rispetto per le donne che ricorrono all’interruzione volontaria di gravidanza farmacologica. Nicola Zingaretti ha infatti firmato una importante delibera il 25 marzo con cui si stabilisce che il trattamento farmacologico potrà avvenire anche in day-hospital, evitando così quella forzata ospedalizzazione di tre giorni voluta dal governo Berlusconi. Un cambio di rotta notevolissimo questo della Regione Lazio, se si pensa alla guerra alla 194 mai dismessa da reazionari e clericali, che in perfetto coniugio, da sempre vedono nella Ru 486 una irrefrenabile deriva abortista.
Da noi, il ricorso all’aborto farmacologico è stato ammesso con un ritardo stupefacente.
Il via libera è arrivato infatti a dicembre del 2009, quando da ormai più di venti anni la Ru 486 era usata da milioni di donne in Spagna, Gran Bretagna, Olanda, Belgio, Austria, Danimarca, Grecia, Finlandia, Germania, Svezia, Stati Uniti, Cina, Tunisia … “”

Leggi l’articolo:

http://temi.repubblica.it/micromega-online/day-hospital-con-la-ru-486-la-svolta-della-regione-lazio/:

Fonte

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.