TwitterFacebookGoogle+

De Luca si scusa con Bindi, "frasi inaccettabili"

Napoli – Il Governatore della Campania Vincenzo De Luca chiede scusa a Rosy Bindi. E chiude il ‘caso impresentabili’ e la bufera in cui è finito dopo la frase “fece una cosa infame contro di me, da ucciderla”, rivolta alla presidente dell’Antimafia per la lista stilata per le Regionali del 2015. “E’ del tutto evidente che le mie parole, presentate così come sono state presentate, erano obiettivamente inaccettabili e obbligavano a chiedere scusa. Cosa che ho fatto e che faccio”, scrive su Facebook De Luca, tornando sul fuori onda a ‘Matrix’. “Credo di aver chiarito la mia posizione mezz’ora dopo – ricorda – esprimendo il mio rispetto per l’onorevole Bindi. E, tuttavia, qui e li’, c’è chi continua l’opera di strumentalizzazione. Ho chiarito il contesto, credo di non aver più nulla da aggiungere”, conclude.

 

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.