TwitterFacebookGoogle+

Delrio inaugura il Freccia Rossa 1000:  "segno di un'Italia che ce la fa"

(AGI) – Roma, 25 apr. – Il nuovo treno Freccia Rossa 1000 ” e’ il segno di un’ Italia che ce la fa”, “il segno dell’Italia che ci piace”, “simbolo che l’Italia e’ innovazione tecnologica e design, non e’ solo la gente che sta a prendere il sole”. E’ quanto ha affermato il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Graziano Delrio, incontrando i giornalisti in occasione del primo viaggio ufficiale del nuovo treno Freccia Rossa 1000 sulla tratta Milano-Roma. Questo treno e’ “il segno dell’Italia che ci piace e non e’ un caso che e’ dedicato a Pietro Mennea, un uomo del sud, un grande sportivo con quattro lauree”. Un treno, ha aggiunto, “che e’ il simbolo che l’Italia e’ innovazione tecnologica e design e non e’ solo la gente che sta a prendere il sole. L’Italia ce la puo’ fare e stiamo dimostrando che puo’ farcela”. Non e’ questo treno che puo’ risollevare le sorti dell’Italia “le sorti dell’Italia – ha sottolineato Delrio – si risollevano con l’impegno e la partecipazione di tutti. Questo Treno e’ il segno di un’Italia che ce la fa e che investe in tecnologia e innovazione”. “Con l’alta velocita’ abbiamo dimostrato di poter vincere la sfida di una connessione di un’ampia parte del Paese. L’Italia ora ha davanti a se la sfida di connettere meglio il sud e questa la stiamo mettendo come priorita’. Ho approfittato del viaggio con i vertici delle Ferrovie dello Stato italiane proprio per parlare del miglioramento del servizio. Credo che la sfida dell’alta velocita’ si stata vinta adesso l’Italia ha davanti a se’ la sfida enorme che e’ quella di migliorare molto il trasporto regionale e quello per i pendolari. Stiamo acquistando tantissimi treni e con le regioni avviero’ un confronto nei prossimi giorni. Con alcune regioni mi sono gia’ visto per velocizzare e concludere gli accordi su questo aspetto. La questione – ha concluso il ministro – riguarda i mezzi, il coordinamento e gli investimenti in tecnologia”.(AGI)
Vai sul sito di AGI.it



Questo sito non rappresenta una testata giornalistica; viene aggiornato saltuariamente e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 07/03/2001. Inoltre viene utilizzato materiale tratto da siti/blog che possono essere ritenuti di dominio pubblico. Se per qualsiasi motivo gli autori del suddetto materiale, o persone citate nello stesso non gradissero, è sufficiente una email all'indirizzo apocalisselaica[@]gmail.com e provvederemo immediatamente alla rimozione.